MERCOGLIANO: VENERDÌ 13 SI INAUGURA IL FARMER’S MARKET “TERRA IRPINA”

MERCOGLIANO: VENERDÌ 13 SI INAUGURA IL FARMER’S MARKET “TERRA IRPINA”

11 Settembre 2019 0 Di La redazione

Venerdì 13 settembre, alle ore 17:30, a Mercogliano si taglierà il nastro del mercato del contadino “Terra Irpina”, che si trasferisce nella Villa comunale di Torelli, si arricchisce di nuovi commercianti e che sarà possibile visitare ogni venerdì dalle 7:30 alle 13:00.

“In armonia con gli obiettivi della nostra amministrazione di valorizzazione della filiera corta – spiega l’Assessore alle Attività Produttive, Stefania Di Nardo – abbiamo predisposto, grazie all’operosità degli uffici preposti, una ricollocazione del mercatino che prima si svolgeva sotto la piscina comunale, destinandogli un’area più decorosa ed agevole da raggiungere ed abbiamo indetto un avviso pubblico per arricchire questo farmer’s market con nuove presenze di prodotti a km zero, sia alimentari che di artigianato”.

In occasione dell’inaugurazione di venerdì, si terrà un workshop dal titolo “La valorizzazione La valorizzazione delle produzioni locali per il rilancio dell’economia”, un breve momento di approfondimento sulla valorizzazione delle produzioni agroalimentari irpine e la tutela dell’ambiente per garantire salubrità dei cibi e salute umana, temi sui quali la nuova Amministrazione sta ponendo molta attenzione e gettando le basi per importanti attività.

Ad accendere i riflettori sulla tematica, oltre al Sindaco di Mercogliano, Vittorio D’Alessio, all’Assessore al ramo ed all’Assessore all’Ambiente-agricoltura e made in Mercogliano, Annachiara Coppola, ci saranno gli autorevoli interventi del Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Avellino, Vincenzo D’Amato e del Direttore Generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, Antonio Limone, moderati dal giornalista Antonio Severino e alternati anche al racconto delle esperienze di qualche produttore locale.

“Non volevo che venerdi ci fosse semplicemente un taglio del nastro – conclude Di Nardo – perciò, in armonia con un metodo di lavoro improntato al fare rete indicatoci e condiviso con il Sindaco, ho pensato di arricchire l’ evento e farlo diventare anche un momento culturale, sociale, di pubblica utilità”