MALTRATTAVA E MINACCIAVA LA MOGLIE DAVANTI LE FIGLIE MINORENNI, ARRESTATO DALLA POLIZIA 44ENNE DI AVELLINO

MALTRATTAVA E MINACCIAVA LA MOGLIE DAVANTI LE FIGLIE MINORENNI, ARRESTATO DALLA POLIZIA 44ENNE DI AVELLINO

21 Luglio 2018 0 Di Michela Attanasio

Maltrattamenti in famiglia, violenza privata, atti persecutori nei confronti della moglie. Sono i reati che hanno portato in carcere un avellinese di 44 anni dedito all’abuso di alcolici che aveva trasformato la quiete familiare in un incubo per la sua compagna e le due figlie nate dal loro matrimonio. Violenze fisiche ed anche psicologiche perpetrate dall’uomo, pregiudicato e nulla facente,  per lungo tempo.  Tutto è nato dopo una chiamata al 113 da parte di una donna che terrorizzata a telefono raccontava di essere inseguita dal marito a bordo di una moto con un coltello. Al personale della Polizia di Stato la donna raccontò in quell’occasione, la storia del suo doloroso e persecutorio menage familiare diventato ancora più tragico dopo la separazione dei due coniugi che comunque continuavano a vivere sotto lo stesso tetto. La donna nel tentativo di liberare lei e le sue figlie minori dalle violenze del marito aveva sporto querela a fine maggio, poi evidentemente intimorita dalle minacce , ha ritirato. In seguito durante i due mesi di lavoro da parte della polizia si è scoperto che la donna aveva sporto varie denunce anche ai Carabineri, anche queste ritirate. La donna ha trovato la forza più volte di abbandonare la casa coniugale rifugiandosi dai genitori per paura di eventuali ritorsioni soprattutto dopo le denunce presentate. Passata la bufera la donna ritornava a casa nella speranza che qualcosa potesse ancora cambiare. Nel mesi di giugno la svolta la convivenza si interrompe ed il 44enne si trasferisce in un camper. A questo punto, la donna libera dalla presenza fisica dell’uomo, aiutata dagli agenti della squadra mobile di Avellino è riuscita a trovare il coraggio di presentare denuncia ed andare avanti, stavolta, senza ritirarla come aveva fatto le precendenti occasioni. Confermato tutto il quadro accusatorio tramite una  straziante testimonianza della donna che ha raccontato per filo e per segno le angherie subite. Alla luce dei fatti il Gip del Tribunale di Avellino ha emesso a carico del 44enne avellinese un provvedimento restrittivo che è stato rintracciato a Pescara, dove stava trascorrendo una breve vacanza e trasferito nella casa circondariale della città.