MALTEMPO. CAMPANIA SEPOLTA DA ACQUA, FANGO E FRANE

MALTEMPO. CAMPANIA SEPOLTA DA ACQUA, FANGO E FRANE

21 Dicembre 2019 0 Di La redazione

La stima dei danni sarà sicuramente ingente. Il territorio mostra, ancora una volta, la grande fragilità anche per lo sviluppo poco sostenibile disegnato dalla mano dell’uomo

Giornata d’ingenti danni e paura causa maltempo. Per fortuna nessuna vittima nè feriti a differenza di altre regioni ma la Campania è in ginocchio.

IN IRPINIA E SANNIO

L’intero centro storico di San Martino Valle Caudina (foto) viene evacuato in queste ore da vigili del fuoco, protezione civile e carabinieri. Sono 300 le persone che dovranno trovare un riparo diverso per questa notte, dopo lo straripamento del torrente Caudino, che ha portato acqua, fango e detriti Decine di auto sono state travolte dal fango e la circolazione anche per i mezzi di soccorso resta difficile. E’ stato necessario chiudere al traffico la strada comunale Bosco Vico, per una frana. Sulla strada che pota al Mafariello sono caduti diversi alberi, che ostruiscono il passaggio. Non va meglio nella vicina Cervinara, dove alcune famiglie sono state evacuate con i gommoni delle squadre anfibie dei vigili del fuoco di Napoli. Sempre in Valle Caudina e’ franata la strada che collega Cervinara a Montesarchio e un’altra frana impedisce i collegamenti con Pannarano. Protezione civile allertata anche a Benevento dove vengono tenuti sotto stretta osservazione i fiumi Sabato e Calore, che attraversano il centro cittadino e che gia’ nel 2015, con l’alluvione che causo’ danni enormi nella parte bassa del capoluogo sannita, sono in piena e minacciano di esondare. Tornando all’Irpinia, a Forino si registrano i problemi maggiori, con una frana che ha invaso un’abitazione in costruzione. La frazione Celzi e’ allagata e diverse famiglie sono state evacuate. Un fiume di fango ricopre le strade. Sul posto stanno lavorando i vigili del fuoco del comando provinciale di Avellino e la protezione civile regionale. Distrutti noccioleti e vigneti e molte abitazioni sono gia’ allagate.

NEL SALERNITANO CETARA ISOLATA, VIETRI APRE LE PORTE DELLE SCUOLE

 Una frana ha interessando via della Repubblica, in corrispondenza del costone al di sotto del comune di Ravello: al momento, non vengono segnalati feriti o danni a cose, ma i Vigili del fuoco stanno provvedendo a fare evacuare i cittadini della zona.  A Scala ed Atrani si monitorano costantemente le condizioni del torrente Dragone: il sindaco del Comune di valle, Luciano De Rosa, ha firmato un’ordinanza per invitare i cittadini a non sostare nei piani bassi degli edifici e ha liberato via dei Dogi in via precauzionale.
Situazioni critiche anche a Minori, Amalfi e Cetara dove un’esondazione ha interessato il centro cittadino. In Prefettura a Salerno è stato attivato il Centro coordinamento soccorsi .I collegamenti con la Costiera sono già compromessi dalla frana della settimana scorsa a Maiori. Il direttore generale della protezione civile, Italo Giulivo, ha provveduto a contattare i sindaci dei comuni della Costiera Amalfitana interessati dai temporali di queste ore, al fine di predisporre le azioni necessarie a supporto delle Amministrazioni comunali e degli enti già attivi. In considerazione degli smottamenti che hanno interessato il Comune di Cetara e l’ultima frana che ha interessato la Sp Amalfitana nel tratto di collegamento Vietri Cetara con possibile chiusura al transito delle autovetture, il sindaco di Vietri sul Mare (Salerno), Giovanni De Simone ha allestito un centro di accoglienza presso le scuole medie di Piazza Matteotti di Vietri sul Mare a favore dei residenti di Cetara che non potranno raggiungere il proprio Comune e abitazioni nelle prossime ore”. Così in una nota l’amministrazione comunale di Vietri sul Mare (Salerno) annuncia il sostegno alla popolazione di Cetara rimasta isolata dopo diverse frane che si sono verificate durante la giornata a causa dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito la Costiera Amalfitana