LO SMOG CAMBIA PIAZZA E L’AUTOSTAZIONE LANGUE!

LO SMOG CAMBIA PIAZZA E L’AUTOSTAZIONE LANGUE!

8 Ottobre 2018 0 Di Norberto Vitale

Lo stazionamento dei bus dell’Air da Piazza Kennedy verrà spostato a Campetto Santa Rita, dove attualmente c’è il capolinea della Sita e un ampio parcheggio comunale.

Salvo sorprese, il trasloco dovrebbe avvenire entro la fine del mese. Si recupera così, almeno si spera, sull’improvvisazione che aveva accompagnato l’inizio della pratica, con l’individuazione data assolutamente per certa di Campo Genova e quella ancora più improbabile dell’area a disposizione dello stadio e del palazzetto dello sport, soluzioni impraticabili solo a pensarci figurarsi all’idea di metterle in pratica.

In buona sostanza, lo stazionamento si sposta di poche centinaia di metri, riducendo l’inquinamento da Pm10 di Piazza Kennedy, che per questo era a rischio sequestro della magistratura, trasferendolo a 300 metri di distanza in un’area apparentemente meno residenziale.

Con questo provvedimento, il sindaco Ciampi incasserà il primo concreto atto del suo governo che al netto della popolarità che naturalmente ricava dai residenti intorno a Piazza Kennedy, un po’ meno dai commercianti della stessa zona, lascia sostanzialmente inalterata la situazione dell’inquinamento da poveri sottili: in Campetto Santa Rita troveranno il loro nuovo epicentro dal quale continueranno a diffondersi a piacimento.

Va comunque compreso il sollievo di chi abita in Piazza Kennedy almeno per la percezione di minore inquinamento che ne ricaverà non vedendo i bus parcheggiati sotto casa e va considerata la speranza che questa centralissima area della città venga valorizzata come merita e come non lo è. La soluzione definitiva è l’autostazione. Sarebbe, dovrebbe essere.

Ma l’amministratore unico di Air De Sio, dopo aver detto la scorsa estate che le gare sarebbero partite ad inizio 2019 e i lavori sarebbero stati conclusi entro lo stesso anno, senza che niente di questo avvenisse, nei giorni scorsi ha fatto sapere di ritenere la struttura di via Colombo oltre che poco funzionale, poco e punto strategica.

De Sio ha anche aggiunto che per come è stata concepita è più un centro commerciale che un’autostazione.

Sarebbe forse il caso che Air prendesse la via, come si dice, e facesse sapere per intero e con la chiarezza che si deve ai non esperti come noi quando e come i lavori ripartiranno, quando verranno conclusi oppure se le valutazioni sono cambiate e, se sono cambiate, cosa intende fare la società interamente partecipata dalla Regione Campania per smettere di considerare Avellino città franca in cui parcheggiare i suoi autobus dove gli pare e dove più gli aggrada.

In prevalenza tra i piedi e sulla testa dei cittadini.