LIVORNO SALVATO (PER ORA) DA SPINELLI. IL CLUB RISCHIA DA 6 AD 8 PUNTI IN CLASSIFICA

LIVORNO SALVATO (PER ORA) DA SPINELLI. IL CLUB RISCHIA DA 6 AD 8 PUNTI IN CLASSIFICA

17 Dicembre 2020 0 Di Michelangelo Freda

Al  momento il Livorno è salvo. Spinelli ha deciso di mettere mano al portafoglio, versando nelle casse del club la cifra di 760mila euro per sopravvivere e andare avanti almeno fino alla prossima scadenza, tra un mese esatto. Quando, a quel punto, toccherà agli altri soci scucire i soldi per non essere di nuovo punto e a capo. Lo farebbero, stando a quanto trapelato nella serata di ieri, purché se ne vadano tutti i dirigenti voluti dall’ormai ex amministratore delegato, Rosario Carrano, l’uomo del “pago domani” che ieri si è visto pure retrocedere le quote societarie al 34% in favore di Sicrea.

La fideiussione non idonea

Tutto questo è servito per evitare l’esclusione dal campionato e il probabile fallimento del Livorno calcio, almeno per il momento. Tutto dipenderà dai soci che nei prossimi mesi dovranno ottemperare tutte le scadenze di un club terzultimo in classifica che attende la penalizzazione in classifica (da sei a otto punti) dopo aver presentato una fideiussione ritenuta falsa dalla Covisoc.

Una situazione paradossale per il Livorno che ad oggi è stato salvato dal suo ex presidente. Ancora più paradossale è vedere un club aver presentato una fideiussione non idonea (Winter Bank) e successivamente non aver rispettato la data del  24 novembre per presentarne una idonea. Una disparità di trattamento rispetto a tanti altri club,  Us Avellino in primis, che sono state escluse dal campionato per via di vicende simili. La formazione irpina, nel lontano 2018, quando militava in Serie B,  venne esclusa per la mancata produzione di una fideiussione idonea. Ghirelli avrà avuto la necessità di salvare un club storico come il Livorno ma,  al tempo stesso, sorgono ulteriori dubbi sui trattamenti riservati ai club,  oramai strettamente personali.

Heller presidente dimissionario

Ovviamente ci sono molte posizioni da chiarire all’interno del Livorno, con tanti soci di dubbia provenienza, ma soprattutto c’è da chiarire la figura di Giorgio Heller, già presidente del Trapani, che è arrivato mesi fa in Toscana. Attualmente, Heller, risulta dimissionario dall’incarico di presidente del cda.