LISTE CANDIDATURE. ULTIME ORE TRA SPERANZE, POLEMICHE E SORPRESE

LISTE CANDIDATURE. ULTIME ORE TRA SPERANZE, POLEMICHE E SORPRESE

29 Gennaio 2018 0 Di La redazione

Fino all’ultimo qualche ritocchino alle liste sarà sempre possibile: vuoi per premiare i trombati in altri collegi italiani e garantire loro posti “sicuri” negli uninominali e nei listini d’irpinia. Fino all’ultimo si cercherà di rafforzare gli elenchi con fedelissimi e portatori di voti o chissà, in qualche caso si deciderà  di desistere anzichè combattere. Le polemiche degli esclusi sono già cominciate. Nel centrosinistra il caso D’Amelio-De Mita ha tenuto banco, oggi la Presidente ha pubblicamente smorzato i toni, e in un Pd a corto di candidature, con gli uscenti salvi ma depotenziati dal Nazareno, ad Avellino appare preziosa la scelta di affidare ad Angelo D’Agostino la guida nel collegio uninominale. Polemiche odierne anche nel centrodestra: Morano ha contestato l’asse Gambacorta-Caldoro e il mancato ascolto dei militanti per le scelte, così storici esponenti di destra e di Fratelli d’Italia, con Meo e Viespoli in testa, hanno criticato la candidatura di Carullo definendola “polticamente inadeguata”. La curiosità – restando nel centrodestra – riguarda Claudio Lotito: il presidente della Salernitana calcio è potenzialmente eleggibile con voti irpini nel listino del Senato dietro lady Mastella. A sorpresa il senatore uscente Sibilia figura capolista alla Camera,  si dice che avrebbe scalzato all’ultimo la De Girolamo retrocessa al secondo posto. Anche i 5 stelle hanno chiuso il cerchio delle candidature definendo così le sifde del corpo a corpo: le scelte dei candidati potrebbero condizionare, nel bene o nel male, i sondaggi circolati sino ad oggi. Nel plurinominale i partiti sono stati fino all’ultimo alla ricerca di candidati a poche ore dalle scadenze del dentro o fuori.

Lo scenario, insomma, resta mutevole fino ad approvazione definitiva, intanto, questo è il quadro…