LE PREVISIONI SVIMEZ PER IL 2021 VEDONO UN MEZZOGIORNO FRENATO DA UNA RIPRESA “DIMEZZATA”

LE PREVISIONI SVIMEZ PER IL 2021 VEDONO UN MEZZOGIORNO FRENATO DA UNA RIPRESA “DIMEZZATA”

17 Luglio 2020 0 Di La redazione

PIÙ INTENSO IL CROLLO DEL PIL NEL CENTRO-NORD NEL 2020 MA L’IMPATTO SULL’OCCUPAZIONE È PIÙ FORTE NEL MEZZOGIORNO. LA RIPRESA DEL 2021 SARÀ “DIMEZZATA” AL SUD

Lo shock da Covid-19 ha colpito un Mezzogiorno già in recessione, prima ancora di aver recuperato i livelli pre-crisi 2008 di prodotto e occupazione. Il crollo del Pil nel 2020 è più intenso nel Centro-Nord (-9,6%), attestandosi comunque su livelli inediti anche nel Mezzogiorno (-8,2%). A preoccupare sono le ricadute sociali di un impatto occupazionale, più forte nel Mezzogiorno, che perde nel solo 2020 380mila posti di lavoro. La perdita di occupati è paragonabile a quella subita nel quinquennio 2009-2013 (-369.000). Ad attenuare la gravità del quadro previsivo interviene il consistente sostegno delle politiche pubbliche. Grazie agli interventi di contrasto agli effetti del Covid-19, per un importo pari a circa 75 miliardi di euro, la caduta del Pil è stata contenuta di circa 2,1 punti al Centro-Nord e di quasi 2,8 punti percentuali nel Mezzogiorno, anche se in termini pro-capite il beneficio è maggiore al Centro-Nord (1344 euro) rispetto al Mezzogiorno (1015 euro). Le previsioni SVIMEZ per il 2021 vedono un Mezzogiorno frenato da una ripresa “dimezzata”: +2,3% il Pil contro il 5,4% del Centro-Nord.

 

svimezprevisioni2020