LE “CASE CADUTE” DI VINCENZO CIAMPI!

LE “CASE CADUTE” DI VINCENZO CIAMPI!

21 Gennaio 2019 0 Di Norberto Vitale

Il commissario sta raccogliendo il frutto del nostro lavoro”. L’ex sindaco Ciampi insiste.

Sui fondi europei per 18 milioni che domani verranno delegati dalla Regione Campania al Comune di Avellino per l’attuazione di 15 interventi di rigenerazione e modernizzazione urbanistica (quelli più qualificanti: l’abbattimento dei prefabbricati pesanti con amianto di Rione Valle e la costruzione di nuove case e il restauro della Dogana), Ciampi aveva già arruolato senza successo il prefetto Priolo che indirettamente era stato costretto indirettamente a ricordare che l’ex sindaco e la sua giunta si erano sostanzialmente limitati ad approvare in giunta la delibera di adesione alla firma che verrà messa domani e contestualmente era stato smentito su tutto il fronte dagli ex assessori della giunta Foti (Iannaccone e Tomasone che si erano occupati dei Pics): Ciampi non ha trovato, come dice un elenco di buone intenzioni che ha trasformato in progetti. Ha trovato progetti su scelte decise dalla precedente amministrazione.

Consegnando giocattoli a Quattrograna, è tornato a dire che il prefetto Priolo sta raccogliendo i frutti del lavoro iniziato dal Movimento. Ai più, devo ritenere a cominciare dal commissario prefettizio, questa cosa non risulta. E non risulta, per quel che può contare, anche a noi. Quando l’ex sindaco, in linea con tutti gli altri della sua ex giunta e in perfetta sintonia con i parlamentari, la smetterà di parlare da solo, senza contraddittorio e senza che nessuno gli faccia domande, e vorrà invitarci o essere invitato per parlarne, siamo qui. Il problema non è cosa abbia fatto in cinque mesi la giunta pentastellata. Cosa vuoi rimproverare ad una gestione di 5 mesi, sia pure segnata da incredibili passi falsi? A Ciampi viene semmai fatto notare che non si è mai messo al lavoro per provare ad amministrare Avellino e questo in nome di una precisa strategia politica che da qui, per comodità, abbiamo definito delle “case cadute”. Punto.