ALTA VELOCITÀ: LA STAZIONE HIRPINIA E LE “BUFALE” DEL GOVERNO

ALTA VELOCITÀ: LA STAZIONE HIRPINIA E LE “BUFALE” DEL GOVERNO

29 Giugno 2018 0 Di Sandro Feola

Oggi siamo tutti più sollevati. L’Irpinia che ha scommesso su nuove infrastrutture per sostenere lo sviluppo del territorio può tirare un sospiro di sollievo: le recenti dichiarazioni di alcuni esponenti del M5S e di “chi parla di cancellazione della stazione Hirpinia” non solo sono tipiche di chi “mente sapendo di mentire”, ma anche di chi “diffonde fake news, bufale”. E’ fresca fresca di oggi. E non è la dichiarazione di un fazioso esponente dell’opposizione, e neanche di quel Raffaele Grasso, del Pd di Ariano, che ha chiesto e ottenuto la convocazione di un consiglio comunale straordinario per tutelare una conquista tutta irpina. No, lo ha dichiarato a mezzo comunicato stampa il deputato Generoso Maraia dello stesso M5S al quale appartengono i dichiaranti di cui sopra.

“Realizzare la Variante di Grottaminarda – aveva dichiarato il sottosegretario allo sviluppo, Cioffi  – concettualmente avrebbe poco senso. Abolirla consentirebbe invece di far andare la ferrovia dritta…”. Come se non bastasse, qualche giorno dopo, il  nostro conterraneo, Sibilia, anch’egli sottosegretario, rincarava la dose: “Realizzare un otto su un qualcosa che viene venduto come alta velocità è antitetico. Il nostro obiettivo è lo sviluppo dell’Irpinia. bisogna capire in che direzione farlo, se quell’opera è una marchetta da un miliardo di euro per qualcuno oppure è effettivamente qualcosa che serve.” Sic!

Oggi, tuttavia, siamo tutti più sereni. Non solo perché almeno fino a domani mattina la stazione si farà, ma anche perché abbiamo avuto la prova di quanto sia affidabile, adeguata, preparata, coerente e lineare, la nuova classe dirigente che governa il Paese. E anche questa, almeno fino a domattina, non è una bufala.