L’AVELLINO E’ RISORTO! NETTO 2-0 AL PERUGIA, UNA METAMORFOSI TARGATA FOSCARINI. E CHE CASTALDO

10 aprile 2018 0 Di Domenico Zappella

Nel calcio conta la testa e quando giochi libero da pressioni, ansie e paure, tutto è possibile, anche battere una squadra che non perdeva da 9 giornate come il Perugia. L’Avellino come d’incanto è risorto, una metamorfosi incredibile perché i lupi sono ritornati tali sfoderando gli artigli e mettendo sotto gli umbri per tutta la gara. Il 2-0 finale va addirittura stretto ad un Avellino grintoso, caparbio e soprattutto ordinato tatticamente. Il modulo è rimasto lo stesso rispetto al passato, ma la predisposizione no. L’Avellino prima arretrava, si rintanava nella propria metà campo senza colpo ferire; ieri invece si è vista una squadra aggressiva, propositiva e soprattutto vogliosa di conquistare a tutti i costi l’intera posta in palio. Un Avellino che in 90’ è stato capace di riconciliarsi con l’intero ambiente, trascinando una curva che in maniera incessante ha dimostrato una maturità da serie superiore, applaudendo ad ogni giocata e incoraggiandola al minimo errore.