LACRIME E DIGNITA’ PER L’ADDIO A CERCIELLO. LA MOGLIE: “PER AMARTI E ONORARTI TUTTI I GIORNI DELLA MIA VITA”

LACRIME E DIGNITA’ PER L’ADDIO A CERCIELLO. LA MOGLIE: “PER AMARTI E ONORARTI TUTTI I GIORNI DELLA MIA VITA”

29 Luglio 2019 0 Di La redazione

I funerali del Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega ucciso in servizio con 11 coltellate. Un mese e mezzo dopo la gioia del matrimonio – nella stessa Chiesa del Soccorso – il popolo di Somma Vesuviana, le massime autorità civili, politiche e militari dello Stato, si stringono al dolore della moglie Rosa Maria e dei familiari.

“Mettere il cuore , nell’impegno e nelle Leggi, così l’Italia risorgerà. Profondamente ingiusta è la tua morte” – dice Santo Marcianò, cappellano militare che insieme all’Arcivesvo Di Nola, Francesco Marino, celebra il rito funebre.

Nell’omelia più volte ci sono riferimenti alla “droga che disumanizza” e l’invito a seguire l’esempio del 35 enne, già volontario e servitore del prossimo, con se senza divisa.

Presenti, tra gli altri, i due vicepremier Salvini e Di Maio . Nelle testimonianze raccolte a margine delle esequie emergono la voglia di giustizia che la gente chiede insieme alla vicinanza concreta alla famiglia.

Toccanti le parole della vedova che ha rinnovato dall’Altare le promesse del giorno del matrimonio: “Amarti e onorarti per tutta la vita”.