LA SENTENZA: PINI CONDANNATO A 3 ANNI E MEZZO DI RECLUSIONE E RISARCIMENTO A FAVORE DELL’US AVELLINO, 1 ANNO CON PENA SOSPESA A MILLESI

12 marzo 2018 0 Di Domenico Zappella

Tre anni e mezzo di reclusione per Luca Pini e risarcimento a favore dell’Us Avellino con una provvisionale di 10mila euro. E’ questa in estrema sintesi la sentenza dell’inchiesta penale sul caso calcioscommesse che lo scorso anno portò ai 2 punti di penalizzazione dell’Avellino. Oltre al procedimento sportivo concluso, quello penale è andato avanti specie per Luca Pini e Francesco Millesi che avevano chiesto il rito abbreviato. Oggi le sentenze. L’Us Avellino, tramite il suo legale l’avvocato Innocenzo Massaro, si era costituita parte civile contro Luca Pini. Per il quale è arrivata la sentenza di primo grado: tre anni e mezzo di reclusione per i reati di concorso esterno in associazione a delinquere e per quello di frode sportiva, oltre al risarcimento a favore dell’Us Avellino (che dovrà essere quantificata da un giudice civile) con provvisionale di 10mila euro.

Un anno di reclusione con pena sospesa invece per Francesco Millesi, ex capitano dell’Avellino, difeso dall’avvocato Dario Vannetiello, per il reato di frode sportiva, mentre per il reato di capo A (concorso esterno in associazione a delinquere) c’è stata l’assoluzione.

Ora sia Pini che Millesi hanno la possibilità di ricorrere in Appello, mentre bisognerà attendere per Armando Izzo che ha scelto il procedimento ordinario e che è stato in precedenza già rinviato a giudizio.