LA LINEA DELLE FERROVIE OFANTINE POTREBBE ALLUNGARSI FINO ALLA BASILICATA

LA LINEA DELLE FERROVIE OFANTINE POTREBBE ALLUNGARSI FINO ALLA BASILICATA

1 Dic 2018 0 Di La redazione

Il progetto delle ferrovie turistiche si allarga, o meglio si allunga. Le linee Ofantine potrebbero riacquistare un altro pezzo delle loro tratte, la Rocchetta S.A. – Venosa – Gioia del Colle, iniziando dalla sua parte lucana e mutuando l’esperienza della sorella irpina Avellino – Rocchetta SA. La Rocchetta S.A. – Gioia del Colle ha qualche anno in più dell’irpina Avellino – Rocchetta SA e insieme formano le storiche Ferrovie Ofantine fortemente volute dal nostro Francesco De Sanctis; la stessa fa poi parte di quel sistema ferroviario lucano realizzato grazie al contributo di un’altra figura di spicco Giustino Fortunato. Questo patrimonio costituisce testimonianza di storia materiale, architettonica e politica del nostro meridione, inestimabile in valore e per tanto bisognoso d’essere tutelato e valorizzato.

Ieri mattina, 30 novembre, presso l’Assessorato ai trasporti della Regione Basilicata, alla presenza dello stesso assessore Castelgrande, dell’Assessore Sinisi del comune di Venosa, di InLocoMotivi, del Conservatore della Pinacoteca di Palazzo San Gervasio Mario Saluzzi e della docente del corso OMTCI Fernanda Ruggiero, è proseguito il discorso partito presso il Comune di Venosa qualche settimana fa con l’obiettivo di rammagliare la Rocchetta SA – Venosa – Gioia del Colle alla rete delle ferrovie turistiche, ovvero quelle ferrovie secondarie che collegano i borghi e le aree interne dell’Appennino centro meridionale italiano. La visione è costruire la linea ferroviaria transappenninica che porti a “Matera2019”. Per questo motivo sarà necessario l’impegno di tutti i comuni lucali della tratta Rocchetta – Venosa – Gioia del Colle, ma anche quelli della tratta Rocchetta – Potenza, della riaperta Avellino-Rocchetta SA.

La Regione Campania, attraverso l’assessore ai trasporti si è detta disponibile ad aprire un dialogo progettuale con Fondazione Ferrovie dello Stato, per valutare costi e tempistiche di una eventuale riapertura per utilizzo turistico. InLocoMotivi offre al presidio tutto l’appoggio e l’esperienza di cui dispone affinchè un altro tratto dello storico apparato ferroviario meridionale ed italiano ritorni in vita.

A conclusione, si ricordano i prossimi treni-evento sull’Avellino – Rocchetta SA:

  • 7 dicembre – Il treno della Focalenzia a Castelfranci (treno pomeridiano – serale)
  • 8 dicembre – il treno per Riti del Fuoco a Lioni (treno pomeridiano – serale)
  • 16 dicembre – Il treno di Natale…va a Lapio, una giornata speciale dedicata ai bambini e alla musica della Nuova Compagnia di Canto Popolare