LA CAMPANIA CADE A PEZZI. NE PARLIAMO GIOVEDI’ A RAID

LA CAMPANIA CADE A PEZZI. NE PARLIAMO GIOVEDI’ A RAID

12 Novembre 2019 0 Di La redazione

A Napoli piove, la paura aumenta al quartiere San Ferdinando in via Calascione; il nome deriva dalla forma dello strumento (caloscione in italiano,ndr) per antonomasia legato alle melodie classiche partenopee: una sorta di mandolino, manico stretto e lungo, fino all’ampia pancia dove si pizzicano le corde. E’ qui che il corridoio stretto, in via Monte di Dio, sfocia nella “pancia” della piazzetta dove il 9 novembre si è sfiorato il dramma.

Panchine e arredi sono sprofondati per metri in seguito alle piogge, è accaduto alle 5 del mattino, solo per questo non si contano vittime nè feriti.

Area transennata. Le tubature di gas e acqua reggono basoli che altrimenti sarebbero già crollati . Sul cortile affacciano palazzi ottocenteschi e d’inizio novecento. Hanno ricevuto rassicurazioni gli abitanti.

Ma il pensiero e lo sguardo, ormai ad ogni ora , è a quel buco da paura.

Scene simili a Casoria (foto a lato), dove un camioncino è stato inghiottito da una voragine. Il mezzo è rimasto, anche stavolta solo per miracolo, intrappolato tra lembi d’asfalto e questo ha scongiurato il peggio.

Il pericolo viene dal basso. E al di là delle allerte multicolori e di chiusure più o meno forzate di scuole, sono i vuoti improvvisi e non mappati a generare ansie. Di questo, di frane e di alluvioni in Campania parleremo giovedì, in diretta a partire dalle 21.00, a Raid.

Sul Canale 90 del digitale terreste Riflettori accesi in diretta sulla Campania fragile che cade a pezzi: dalle colate di fango di Siano (Sa) e Castelsangiorgio (Sa), passando per il Matese (Ce) o le ataviche alluvioni di Celzi di Forino e gli smottamenti di Montoro e Serinese (Av).

Esperti ed istituzioni a confronto. Per intervenire si potrà chiamare lo 0825.31.399 o lasciare un messaggio sulle bacheche social di Prima Tivvù e Telenostra.