JUVE STABIA, PADALINO:”L’AVELLINO HA IDENTITÀ. NOI ABBIAMO RITROVATO L’ENTUSIASMO”

JUVE STABIA, PADALINO:”L’AVELLINO HA IDENTITÀ. NOI ABBIAMO RITROVATO L’ENTUSIASMO”

12 Febbraio 2021 0 Di Michelangelo Freda

Si avvicina la partita tra  Juve Stabia e Avellino. Alle ore 17.30 di domani, sabato 13 febbraio, i biancoverdi sono chiamati ad ottenere un risultato positivo per continuare la corsa al secondo posto. Questa mattina, il tecnico delle vespe, Pasquale Padalino, in vista della partita ha commentato: “Sicuramente sarà un test probante per molti aspetti, però credo non sia la prova decisiva. Veniamo da un buon momento e incontriamo una squadra che è reduce da un periodo ugualmente buono e più lungo del nostro, oltre ad avere una classifica importantissima e a non aver affrontato gli intoppi che abbiamo trovato noi sul cammino. L’Avellino ha consolidato la sua identità, è una squadra compatta che sa palleggiare e sfruttare bene le sue armi, come gli attaccanti e le corsie. Sarà un derby stimolante contro un grande avversario costruito per vincere e voglio vedere una bella prova di carattere da parte nostra, ricalcando la prestazione dell’andata”.

Il tecnico ha parlato  anche delle ultime prestazioni della sua squadra: “Margini di miglioramento? Intanto trovare continuità per tenere a bada chi ci sta dietro e non far allontanare chi ci precede. Dobbiamo avere costantemente una mentalità adeguata, non dimenticando che solo pochi giorni fa vivevamo una situazione pesantissima. A un certo punto della stagione bisogna mettere sul piatto le cose buone e quelle negative facendo doverosamente autocritica, al fine di migliorare; i ragazzi hanno capito che nel girone di andata ci è mancato sempre quel cinismo, quella cattiveria e quella voglia di arrivare in fondo. Oggi si respira un’aria diversa, anche grazie a calciatori che hanno portato un entusiasmo nuovo nel gruppo, e siamo molto uniti nel volere raggiungere il miglior piazzamento possibile nei play off. Dirlo soltanto non basta e dunque di giorno in giorno dovremo lavorare sui nostri limiti, ma credo che qualcosa di positivo si stia già intravedendo”.