INFERMIERI NURSING UP, DE PALMA ANNUNCIA: «MOBILITAZIONE A MILANO I PRIMI DI LUGLIO»

INFERMIERI NURSING UP, DE PALMA ANNUNCIA: «MOBILITAZIONE A MILANO I PRIMI DI LUGLIO»

10 Giugno 2020 0 Di La redazione

«Entro i primi giorni di luglio, permessi ad autorizzazioni permettendo, i colleghi impegnati contro il Covid-19 nelle regioni più colpite si stanno dando appuntamento nelle strade di Milano. E’ arrivato il momento di mostrare alle istituzioni, una per una, le facce degli infermieri che hanno guidato la gente fuori dal guado nei giorni peggiori». Così scrive Antonio De Palma, Presidente del Sindacato Nursing Up. «I flash mob, che si sono svolti in diverse città,  lasceranno un solco indelebile nelle menti di chiunque ha partecipato: la signora anziana che ci porge un mazzo di fiori commossa e affettuosa come una nonna, il pensionato che ci applaude da lontano e ci guarda con occhi di ammirazione. Vorrebbe avvicinarsi e abbracciarci, ma non può. E poi la giovane mamma che si propone di offrire il caffè a cinquanta infermieri o anche più e che lo fa insistendo, come fosse la nostra migliore amica, la compagna di banco che non vediamo da anni. Tutto questo è accaduto a Genova, Roma, a Rimini, a Torino e poi ancora in Campania, Trentino Alto Adige e Lombardia, dove il Covid-19 ha lasciato il maggior numero di vittime, anche tra gli infermieri. Le nostre legittime rivendicazioni contrattuali, la richiesta di un trattamento economico consono all’impegno profuso sul campo ben prima del Covid (i nostri sono tra gli stipendi più bassi d’Europa), e poi ancora il riconoscimento della malattia professionale, l’adeguamento degli organici, l’aggiornamento e la formazione, senza dimenticare i ruoli chiave per l’immediato futuro come quello dell’infermiere di famiglia e ancora l’impegno per fermare sul nascere la violenza e le aggressioni negli ospedali ai nostri danni: queste sono solo alcune delle ragioni che spingono gli infermieri a scendere in strada. Vogliamo rispetto e lo vogliamo adesso», chiosa De Palma.