Home / Alta Irpinia / INCIDENTE SHOCK A SAN NICOLA DI MELFI: TRE MORTI CARBONIZZATI, UNO E’ DI CASALBORE

INCIDENTE SHOCK A SAN NICOLA DI MELFI: TRE MORTI CARBONIZZATI, UNO E’ DI CASALBORE

 

Non si ferma la scia di sangue sulle strada interne confinanti con la Basilicata. In prima mattinata nella zona industriale di San Nicola di Melfi, violento frontale tra una Jaguar ed un furgone. Sarebbero tre le persone morte dopo il terribile incidente. Un 31enne di Casalbore(Av), un 36enne di Castelvetere in Val Fortore(Bn)  ed un lucano fanno sapere fonti vicine alle forze dell’ordine che sono intervenute. Straziante la scena che si è mostrata davanti agli occhi dei soccorritori: tra lamiere e resti di auto, tre cadaveri completamente carbonizzati. Non si conoscerebbe, infatti, ancora l’identità delle tre vittime. Stando ad una prima ricostruzione le cause dell’incidente sarebbero state l’alta velocità(visto lo stato delle vetture), l’asfalto bagnato e la nebbia . L’auto di grossa cilindrata, guidata da un uomo di Matera, procedeva spedita quando all’improvviso il conducente avrebbe perso aderenza con l’asfalto e dopo una carambola sarebbe rimasta di traverso sulla strada.Subito dopo l’impatto col furgone(un’officina mobile per mezzi agricoli) che l’ha praticamente travolta.Sul posto sono intervenuti congiuntamente i Carabinieri della stazione di Melfi, la Polizia, i Vigili del Fuoco e i sanitari del 118. Difficilissimo l’intervento. Stando ad indiscrezioni due uomini sarebbero morti sul colpo, l’altro invece incastrato tra le lamiere è poi stato travolto dalle fiamme sprigionate dal mezzo.

IN AGGIORNAMENTO

 

Circa Michele Miele

Michele Miele

Vedi Anche

DE RISIO HA FIRMATO. MA NIENTE ALLENAMENTO IN ATTESA DEL NULLA OSTA

Si è da poco concluso l’allenamento odierno dell’Avellino al Partenio-Lombardi. Ma nessun lavoro con i ...

GIOCO D’AZZARDO IN ALTA IRPINIA, DON RINO MORRA: E’ UNA MANCANZA DI VALORIZZAZIONE DI SE STESSI

Il gioco d’azzardo colpisce in modo serio soprattutto l’Alta Irpinia dove le statistiche più impietose ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *