Home / Attualità / INCENDI, NASCE LA RETE DI MONITORAGGIO DEGLI “AGRICOLTORI RANGER”

INCENDI, NASCE LA RETE DI MONITORAGGIO DEGLI “AGRICOLTORI RANGER”

Gli incendi continuano a devastare ettari di boschi, Coldiretti lancia un’iniziativa per contrastare un fenomeno che mette a rischio, l’ambiente, l’economia, l’agricoltura, il lavoro e il turismo e purtroppo anche le vite umane. L’organizzazione agricola ha promosso l’alleanza tra gli agriturismi a marchio Campagna Amica e Federforeste con l’avvio di una task force per il monitoraggio, la prevenzione e la valorizzazione dei boschi. La prima rete nazionale degli agriturismi a tutela dei boschi italiani fondata sull’azione di monitoraggio di “agricoltori ranger” diffusi capillarmente in tutte le aree agricole italiane, deliberata dall’assemblea di Terranostra, sarà impegnata – sottolinea la Coldiretti – nella prevenzione degli incendi con la segnalazione alle autorità responsabili delle emergenze. Un’azione di difesa dei campi coltivati e dei 12 miliardi di alberi presenti nei boschi italiani che – conclude la Coldiretti – coprono ormai 1/3 della superficie nazionale. “Anche in Campania faremo la nostra parte – annuncia Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti e presidente regionale – coinvolgendo i nostri agricoltori, che rispondono sempre prontamente quando le Istituzioni locali chiamano per affrontare emergenze. Ma occorre cominciare ad investire sulla prevenzione e sulla manutenzione del territorio attraverso gli agricoltori, come previsto dal Dlgs n. 228/2001, la cosiddetta “legge di orientamento per l’agricoltura”, e dall’Accordo Quadro Anci-Coldiretti del 2011. Il legame degli agricoltori con il territorio può offrire rapidità e capillarità agli interventi, alle azioni di protezione civile, alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale. Gli incendi provocano danni incalcolabili dovuti alla perdita di biodiversità e alla distruzione di ampie aree di bosco che sono i polmoni verdi del paese e concorrono ad assorbire l’anidride carbonica responsabile dei cambiamenti climatici. Ogni ettaro di macchia mediterranea è popolato in media da 400 animali tra mammiferi, uccelli e rettili, ma anche da una grande varietà di vegetali che a seguito degli incendi sono andate perse”.

Circa Leonardo D'Avenia

Leonardo D'Avenia

Vedi Anche

COCA E MARIJUANA MENTRE ERA AI DOMICILIARI. 50ENNE DI ATRIPALDA ARRESTATO

Proseguono senza sosta i servizi disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino che ogni giorno ...

RICH E WELLS SI PRESENTANO: “LA SCANDONE E’ IN BUONE MANI PRONTI A DIVENTARE NUOVI LEADER”

Jason Rich e Dez Wells si presentano ai tifosi della Scandone e rassicurano: “Ci prepariamo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *