IL CONGRESSO IRPINO DEL PD E IL FIATO SPRECATO

IL CONGRESSO IRPINO DEL PD E IL FIATO SPRECATO

9 Luglio 2021 0 Di Vincenzo Di Micco

La bagarre interna è rumore di fondo mentre sui tanti disagi della provincia, legati a sviluppo e sociale, è calato un indistinto silenzio

Continuano a tenere banco (soprattutto tra addetti ai lavori) le vicende interne al Pd avellinese, da cinque anni senza organismi dirigenti.
Dilaniato dalle correnti e dagli scontri per la salvaguardia del potere, al Pd va riconosciuto, comunque, il ruolo di partito di riferimento, con tutte le sue varianti e variabili.

Massimo rispetto è dovuto a coloro che si sono visti scavalcare nella militanza da tesserati farlocchi, a chi ha pagato o continua a pagare il tesseramento senza ricevere neppure ascolto, o a chi è stato messo all’angolo mentre vedeva smarrita l’identità collettiva democratica e a tratti quella personale.
Di commissari , non c’è due senza tre. Dopo Ermini e Cennamo (con parentesi Di Guglielmo) ci prova ora Bordo.
A seconda delle fazioni s’invoca la democrazia, si contesta o si plaude, si tira insomma  per la giacca il Nazzareno. Storie vecchie destinate a ripetersi. Nel mentre precipita il contesto.
La capacità di “colla , pensiero e manifesto” che i circoli dovrebbero esprimere e sintetizzare, al di sopra di ogni cosa, non si palesa, il dibattito pubblico è riservato allo scontro, ai muscoli , alla strategia concordata internamente da portare avanti.
In una provincia in cui il lavoro è a rischio mentre le morti bianche aumentano, dove gli impegni per le aree svantaggiate falliscono , dove gli enti vuoti vengono gestiti per potere senza più erogare servizi, dove la sanità è aggredita dai tagli, l’ambiente avvelenato nell’indifferenza, le acque disperse e scippate  nonostante sia l’Irpinia patria meridionale di sorgent i- e ancora , mentre i fondi recovery destinati al al Mezzogiorno diventano il gioco delle tre carte, la povertà dilaga insieme al disagio sociale, eccetera , eccetera, eccetera.

Mente ciò accade, per il Pd l’agenda è rappresentata dal Congresso, dallo lo Statuto , magari dalle epurazioni.

Ribadiamo, col  massimo del rispetto dovuto, vista così, la vicenda congresso diventa uno spreco di fiato prezioso.