IL CENTROSINISTRA PROVA A FARE SINTESI SULLA FIGURA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

IL CENTROSINISTRA PROVA A FARE SINTESI SULLA FIGURA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

5 Luglio 2018 0 Di Michela Attanasio

Il centrosinistra ancora alla prese con la figura da individuare per la carica del presidente del consiglio comunale. In pole ancora il duo Maggio – Ambrosone. Domani nuova riunione a via Tagliamento.

Mentre il sindaco i consiglieri che lo appoggiano discutono su temi e proposte il Pd tenta di ritrovare un equilibrio interno non senza problemi. La discussione soprattutto a via tagliamento è tutta incentrata sulla scelta del nome del presidente del consiglio. L’apertura di Ciampi ha infastidito gli esponenti del centrosinistra che oggettivamente non sono pronti a trovare una sintesi e che in qualche modo ora si sentono anche pressati dalla richiesta del primo cittadino. La parole chiave è fare sintesi, altro discorso è trovarla. Domani potrebbe riunirsi di nuovo il gruppo di consiglieri di maggioranza. Il precedente però non è di buon auspicio visto che finì con pizza non riconosciuto come capo dell’opposizione. Si dovrà stabilire il nome con un criterio che vada bene un po’ a tutti. I nomi in circolazione sono sempre Ambrosone e Maggio. Il gruppo “Davvero Avellino”, come noto, ha già lanciato il nome di Ugo Maggio. Sul profilo dell’urologo, appena rientrato in Consiglio Comunale, ci sarebbe già la convergenza di larga parte della piattaforma politica: da Ivo Capone ad Adriana Percopo, passando per i consiglieri di Insieme Protagonisti ed arrivando, toccando Nello Pizza, anche ai consiglieri demitiani che, chiamati a decidere, potrebbero virare sul medico vicino a Gianluca Festa. La verde decide di andare in autonomia e parte del pd è pronto a rilanciare la candidatura di Enza Ambrosone osteggiata da un’altra parte dei dem.  I consiglieri dem, quelli dell’area decariana, puntano i piedi sul metodo e sul criterio con i quali scegliere il profilo da schierare come Presidente del Consiglio Comunale. Insomma una bolgia infernale che travolge il centrosinistra.. E siamo appena all’inizio.