GOVERNO. AL SENATO PASSA IL MES. GRASSI UFFICIALIZZA LA ROTTURA COL M5S

GOVERNO. AL SENATO PASSA IL MES. GRASSI UFFICIALIZZA LA ROTTURA COL M5S

11 Dicembre 2019 0 Di La redazione

In primo piano il Mes (meccanismo europeo di stabilità) sullo sfondo il voto in Emilia e Calabria, il rapporto con l’Europa e la tenuta del Governo. Strappi in maggioranza al Senato,  dove un gruppo di parlamentari 5 stelle votano contro. Alcuni potrebbero passere al Carroccio, altri s’iscriveranno al gruppo misto altri resteranno in maniera critica. Si vedrà . Tra i dissidenti, con Urraro, Lucidi, Paragone c’è anche il senatore Irpino Ugo Grassi da tempo in rotta col Movimento. Grassi nel suo intervento ha puntato l’accento sul fatto che il Parlamento è stato tagliato completamente fuori dal dibattito è che il Movimento ha sconfessato la sua politica.  Lo strappo, dunque, è ufficiale. Non sono mancate dure reazioni : prima fra tutte , a dibattito ancora in corso,  quella di Di Maio. Dall’Albania il capo politico del movimento si è spinto ad invocare l’intervento della magistratura per “verificare un mercato delle vacche in corso ad opera di Salvini, mi auguro  non partecipi nessuno” ha aggiunto Di Maio. La replica di Salvini non si è fatta attendere. Dopo aver letto i nomi di 32 docenti italiani contrari al Mes, ha citato  il programma elettorale dei 5 stelle: “Il Movimento s’impegnava allo smantellamento del Mes, viva la coerenza”, così Salvini. La maggioranza tiene nei numeri con l’appoggio delle autonomie. Il dato politico futuro potrebbe essere la non capacità di controllo del Movimento sul gruppo del Senato che potrebbe ripercuotersi sugli accordi di maggioranza. Primi smottamenti, dunque .