GLI “ALIMENTARI”, IL PROGRESSO E GLI SCEMPI NEL CUORE

12 ottobre 2018 0 Di Antonella Gensale

Un viaggio immaginario tra presente, passato e futuro.

Una giornata tipo di una persona che lavora: ritaglia il tempo per la spesa nei momenti di pausa.

Chi non riesce a sbarcare il lunario, invece, cammina con i volantini dei vari supermercati in mano per trovare sconti e offerte – un poco a destra un poco a sinistra – senza badare incautamente al consumo di carburante per passare da un supermarket all’ altro.

Tutto sommato fare la spesa nella grande distribuzione è confortevole, come stare in poltrona e ordinare su Amazon e i siti di vendita on line, tenendo anche conto che sei fai una ricerca, facebook ti aggiorna sulle offerte migliori. Comodamente.

Eppure, tutto questo sa di freddo e disumano: la gente passa, corre, sempre più evanescente e disinteressata, troppa informazione, in fondo, irrancidisce il cuore.

Ed ecco che nei piccoli momenti di lucidità e memoria libera, ti ritrovi una foto di un “Alimentari” chiuso, abbandonato, in pieno centro, con le insegne che sanno di cose semplici e genuine; che sanno di panino caldo con la mortadella da cento lire che compravamo quando andavamo alle elementari.

Allora si scatena un meccanismo, la fantasia prende il volo e cominci a immaginare che a gestire il negozio poteva essere una famiglia come altre, con troppe tasse da pagare, con equitalia rateizzata – e ancora – vedi le poche clienti, per lo più casalinghe e nonnine che coloravano il negozio, tra ricette e racconti di nipoti e compari. La famiglia che gestiva, sempre nell’immaginazione, doveva essere invecchiata tra stenti e ricordi, i figli emigrati al Nord per lavoro, studio e corse infinite.

I negozietti dei paesi vicini ad Avellino non sono tutti abbandonati, nella loro umiltà, soprattuttto,  non si lamentano. Il disagio viene vissuto con dignità per alcuni, perché non si può più tornare indietro da un progresso che a volte ferisce, e lascia scempi nel cuore come questo bellissimo negozio dismesso, con la scritta ‘’Alimentari”.