GAS RADON, SCOPRIAMO COSA E’ E COSA FARE

GAS RADON, SCOPRIAMO COSA E’ E COSA FARE

23 Ottobre 2019 0 Di La redazione

La Regione Campania con la L.R 8 Luglio 2019 n.13 sulla riduzione dell’esposizione alla radioattività naturale derivante dal gas radon in ambiente confinante e chiuso, si dota di uno strumento normativo che anticipa il recepimento della direttiva europea 59/2013 ponendo limite di soglia a 300 Bq/mc e 200 Bq/mc per le nuove costruzioni, misurato con strumentazione passiva su un periodo annuale.

COS’E’ IL GAS RADON E QUANTO INCIDE SULLA NOSTRA SALUTE

Il radon o rado (precedentemente chiamato niton o nito) è l’elemento chimico che nella tavola periodica viene rappresentato dal simbolo Rn e numero atomico 86.

Scoperto nel 1899, è un gas nobile e radioattivo che si forma dal decadimento alfa del radio, generato a sua volta dal decadimento alfa dell’uranio. Polonio e bismuto sono i prodotti, estremamente tossici, del decadimento radioattivo del radon.

Il radon è un gas molto pesante, pericoloso per la salute umana se inalato in quantità significative.

Uno dei principali fattori di rischio del radon è legato al fatto che, accumulandosi all’interno di abitazioni, è la seconda causa di tumore al polmone, specialmente tra i fumatori. Per ciò che riguarda i paesi industrializzati, recenti studi statistici effettuati dall’USEPA (United States Environmental Protection Agency) stimano circa 21.000 morti all’anno negli USA attribuibili al radon residenziale; simili valori sono stati stimati per studi effettuati nell’Unione europea.

In particolare, studi statistici effettuati nel 2005 hanno stimato per un campione significativo di paesi europei che il 9% delle morti per tumori ai polmoni e il 2% di quelle complessive per tumori sono attribuibili al gas radon residenziale.

COSA FARE IN CAMPANIA

Nello specifico si impone di procedere alla misurazione della concentrazione di gas radon:

  • Negli edifici aperti al pubblico, interrati, seminterrati e locali a piano terra, con esclusione dei residenziali e dei vani tecnici isolati al servizio di impianti a rete
  • Negli edifici strategici di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture 14 gennaio 2008, n. 29581 destinati all’istruzione, compresi gli asili nido e le scuole materne.

La trasmissione degli esiti al Comune e ad ARPA Campania della ASL di riferimento, deve avvenire entro un mese dalla conclusione del rilevamento.

In caso di mancata trasmissione delle misurazioni entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della legge, il Comune provvede a intimare con ordinanza la trasmissione delle misurazioni svolte, concedendo un termine non superiore a trenta giorni, la cui eventuale e infruttuosa scadenza comporta la sospensione per dettato di legge della certificazione di agibilità e quindi dell’attività.

M.A.C Srl garantisce l’organizzazione delle attività di monitoraggio, misurazione e valutazione del Rischio Radon negli edifici strategici oggetto delle disposizioni comprese nel testo di legge L. R. Luglio 2019 n.13 attraverso una rete di esperti qualificati e medici autorizzati.

ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO:

  • Posizionamento dosimetri (primo semestre)
  • Posizionamento dosimetri (secondo semestre)
  • Ritiro e lettura dosimetri secondo semestre
  • Elaborazione con relazione annuale con rapporto di prova
  • Trasmissione agli ordini competenti
  • Consulenza su attivazioni di eventuali misure correttive”

Richiedi il supporto per l’adeguamento della tua attività all’indirizzo radoncampania@macsolution.it   oppure chiamaci al numero 0825 1802505.

I CONSIGLI DELL’ESPERTO – CLICCA QUI E GUARDA IL VIDEO