GARANTE DETENUTI, CIAMBRIELLO AL REMS DI SAN NICOLA BARONIA: “ANCHE QUI CARENZA DI MEDICI”

GARANTE DETENUTI, CIAMBRIELLO AL REMS DI SAN NICOLA BARONIA: “ANCHE QUI CARENZA DI MEDICI”

11 Maggio 2021 0 Di La redazione

“Ho constatato la solita nota dolente: la mancanza di medici sia specialisti in psichiatria sia in medicina generale. Nella REMS di San Nicola Baronia, nelle carceri avellinesi e nell’articolazione psichiatrica presso la casa di reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi. È una piaga irrisolta, denunciata con particolare dovizia anche dalla Magistratura di Sorveglianza presso il Tribunale di Avellino al Ministro della Giustizia. Il tema della salute mentale in carcere, cioè dei detenuti con problematiche psichiatriche anche gravi, necessita di una equipe multidisciplinare perché tali reclusi o internati rischiano di vivere una doppia reclusione”, così Samuele Ciambriello, garante campano delle persone private della libertà personale, dopo la visita effettuata oggi alla REMS di San Nicola Baronia e al carcere di Sant’Angelo dei Lombardi.

Nella residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezze, accompagnato dal direttore dott. Berniero Ragone, ha fatto visita ai 20 internati (di cui 19 hanno già ricevuto la vaccinazione) ascoltando le loro storie di vita e le critiche che hanno manifestato nei confronti del cibo proveniente dall’esterno. Ciambriello ha ricevuto la stessa critica dai ristretti della REMS di Calvi Risorta: “Ritengo che in queste strutture una cucina interna autonoma possa aumentare le relazioni così da far vivere un clima familiare”. Il garante campano ha anche donato delle pitture utili alla realizzazione di murales sia all’interno della struttura sia presso il piccolo centro cittadino.

Subito dopo si è recato presso l’istituto penitenziario di Sant’Angelo dei Lombardi dove oggi sono stati vaccinati 96 detenuti e 8 agenti, mentre ad Ariano Irpino 132 e a Bellizzi 130. Venerdì prossimo continueranno le vaccinazioni nel carcere di Avellino e saranno vaccinate le 9 donne recluse nell’ICAM di Lauro. Il garante ha visitato l’articolazione psichiatrica dove su sette posti disponibili uno solo era occupato. Ha poi incontrato e dialogato con una delegazione di detenuti.

Ciambriello così conclude “ho apprezzato la scelta della dott.ssa Maria Morgante per aver deciso per i detenuti sia il vaccino monodose sia il vaccino Pfizer per gli utenti fragili. Ancora una volta a Sant’Angelo dei Lombardi ho verificato con mano che è un carcere modello dove anche le relazioni umane agenti-personale educativo-operatori socio-sanitari- detenuti sono significative realizzando così il volto costituzionale della pena con finalità rieducativa”.