GAL ATS AISL: PUBBLICATE ALTRE TRE MISURE NEL CAMPO TUTELA AMBIENTE E RISORSE IDRICHE

GAL ATS AISL: PUBBLICATE ALTRE TRE MISURE NEL CAMPO TUTELA AMBIENTE E RISORSE IDRICHE

16 Ottobre 2019 0 Di La redazione

Buonopane: «A passo spedito per perseguire e ottenere i risultati che ci siamo prefissi quando abbiamo dato via al Gruppo di Azione Locale»

 Sono stati pubblicati dal Gal ATS Aisl altri tre bandi relativi al Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020. Opportunità di crescita nella sensibilizzazione ambientale, nel sostegno per la costituzione e il funzionamento dei Gruppi in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura e delle azioni congiunte per la mitigazione dei cambiamenti climatici, in particolare nell’ambito della gestione e tutela delle risorse idriche.
“Il nostro Gal – afferma il Presidente Rino Buonopane – prosegue a gambe levate nell’adozione di tutte le misure del PSR la cui applicazione può servire a perseguire concretamente, e non solo a parole, gli obiettivi propri dei Gruppi di azione locale e, nello specifico, di quelli che ci siamo prefissi quando abbiamo dato vita all’ATS AISL. Come abbiamo avuto modo di evidenziare, la forza del nostro sodalizio è proprio nella caratteristica di adeguare le misure alle specificità delle nostre comunità, alle caratteristiche uniche dei nostro borghi rurali e, nel caso specifico delle misure approvate, alla straordinaria presenza di sorgenti d’acqua.”
Le Tipologie d’Intervento sono la 16.1.1, la 16.5.1 e la 7.6.1.
La tipologia di intervento 16.1.1 – si legge nel bando – viene attivata per promuovere la realizzazione di progetti di cooperazione a carattere innovativo, concepiti e messi in atto dai Gruppi Operativi del Partenariato Europeo dell’Innovazione. La misura opera nel PSR in modo trasversale alle Priorità e alle Focus Area:
1 – “Migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e incoraggiare la ristrutturazione e l’ammodernamento delle aziende agricole, in particolare per aumentare la quota di mercato e l’orientamento al mercato nonché la diversificazione delle attività”;
2 – “Migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni inter professionali”;
3 – “Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura ed alla silvicoltura”(Priorità 4) “Favorire la diversificazione, la creazione di nuove piccole imprese e l’occupazione”;4) – “Favorire la diversificazione, la creazione di nuove piccole imprese e l’occupazione”.
La tipologia di intervento 16.5.1 prevista dal Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Campania, incentiva la costituzione di partenariati costituiti da una pluralità di soggetti che si aggregano per la realizzazione di progetti collettivi finalizzati alla riduzione dell’impatto ambientale in agricoltura.
I progetti collettivi – recita il bando – consentono di rafforzare e rendere sinergici gli impegni assunti in comune da più beneficiari, rispetto agli impegni assunti singolarmente, moltiplicando sia i benefici ambientali e climatici che i benefici informativi, in termini di diffusione di conoscenze e creazione di sinergie per lo sviluppo di strategie locali. La tipologia di intervento 16.5.1 è correlata in modo diretto all’intera Priorità 4 – Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura e in modo indiretto alla Focus Area 5D – Ridurre le emissioni di gas a effetto serra e di ammoniaca prodotte dall’agricoltura e alla Focus Area 5E – Promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale. In particolare l’intervento è finalizzato a sostenere progetti di azioni congiunte relative alla tutela delle risorse idriche del territorio (Bacini idrici Alto Ofanto, Calore, Sabato e Piana del Dragone).
Con la tipologia di intervento 7.6.1 si intende proseguire nell’azione già avviata con la programmazione precedente nell’ambito della misura 323; in tale ottica, la 7.6.1. con le operazioni previste nel presente bando è rivolta a favorire il miglioramento e la valorizzazione delle aree rurali interne attraverso azioni di riqualificazione del patrimonio naturale e dei villaggi, del paesaggio rurale e dei siti ad alto valore naturalistico.La tipologia agisce anche sugli aspetti socio-economici in quanto è tesa a migliorare sia le condizioni di vita delle popolazioni rurali, per contenere lo spopolamento, sia l’attrattività e la conservazione dei luoghi per incrementare i livelli di occupazione. Gli interventi previsti riguardano l’Operazione A) “Sensibilizzazione Ambientale”.
I bandi sono consultabili sul sito del GAL ATS AISL, www.galaisl.it e allo stesso indirizzo è possibile scaricare la relativa modulistica e conoscere le modalità per la presentazione delle domande.