FINE DEL DIESEL, IL CONSIGLIERE REGIONALE IANNACE: ” AUTO ELETTRICHE SI APRA UN POLO DI RICERCA PER EVITARE DISASTRO AUTOMOTIVE IRPINO”

20 ottobre 2018 0 Di Michela Attanasio

A valle della manifestazione di lunedì scorso nei pressi dello stabilimento delle FCA a Pratola Serra esprimo la mia solidarietà ai lavoratori dello stabilimento medesimo, ma anche a tutti i lavoratori del comparto “automotive” che in Irpinia hanno profonde radici. I giornali economici riportano informazioni circa la fine della produzione dei motori diesel. E dopo gli annunci di Volvo, Porsche e Toyota, anche la Fca (quindi la Fiat) non ha più intenzione di installare motori diesel sulle proprie vetture a partire dal 2022. La scelta, sarebbe legata al crollo della domanda e all’aumento dei costi per rendere i motori diesel in linea con gli standard sulle emissioni inquinanti. Per ridurre gli effetti dell’inquinamento che
provoca l’effetto serra, verranno limitati i consumi di petrolio; in questo scenario si colloca la problematica del futuro dello stabilimento della Fca di Pratola Serra. Questa decisione colpisce profondamente il cuore industriale dell’Irpina, in quanto a Pratola Serra, si producono solo motori diesel, con la conseguenza è che a breve potremmo avere la chiusura dello stabilimento della Fca. Consapevole di questi indirizzi di natura economica e di politica energetica lo scorso anno presentai una mozione in Consiglio regionale della Campania in cui si chiedeva alla Regione di attivarsi per realizzare un polo di ricerca per lo sviluppo di auto elettriche, in modo che la Campania si potesse dotare di un centro di ricerca di eccellenza per anticipare e partecipare da protagonista alle sfide che si affacciano nei prossimi anni nel settore dell’automotive. E’ ovvio che il futuro non è solo l’auto a trazione elettrica, ma anche l’auto connessa alla rete internet con guida assistita. Ad esempio connettere alla rete internet una automobile consente di sapere quale la posizione
esatta dell’automobile più vicina (velocità, distanza), consentendo condizioni migliori di sicurezza. Con questa mia mozione, presentata oltre un anno fa, intendevo sollevare una discussione intorno a un problema di cui oggi si comincia a parlare e intendevo fornire una
possibile soluzione per il futuro dell’automotive in Irpina. In Campania sono presenti Atenei prestigiosi in cui conseguono la laurea in discipline scientifiche molti giovani, i quali sono costretti ad emigrare per carenza di opportunità di lavoro nel territorio Campano.
Con questa mia proposta non solo ipotechiamo il futuro, ma diamo una possibilità ai nostri giovani di esprimere il loro talento.