ESTATE VOLTURARESE. PRESENTATO IL PROGRAMMA 2022, MANGANARO: RIPARTIAMO CON LO STESSO ENTUSIASMO DEL 2019

ESTATE VOLTURARESE. PRESENTATO IL PROGRAMMA 2022, MANGANARO: RIPARTIAMO CON LO STESSO ENTUSIASMO DEL 2019

28 Giugno 2022 0 Di Anna Guerriero
Nadia Manganaro: “Ripartiamo con lo stesso entusiasmo del 2019, anno di straordinari successi per Volturara. Nuova edizione segna una crescita dal punto di vista dell’offerta culturale e dell’intrattenimento, raddoppia la Festa del Fagiolo Quarantino”.
L’Amministrazione comunale di Volturara presenta la nuova edizione dell’Estate volturareseriprendendo il cammino interrotto nel 2019, anno che ha segnato il raggiungimento di successi straordinari in termini di attrattività e di presenze nella Valle del Dragone. Il nuovo programma, che si conferma per intensità, raddoppia la Festa del Fagiolo Quarantino, prevedendo due appuntamenti diversi, e mette insieme musica, enogastronomia, cultura, sport, cinema e divertimento. Tornano i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova che, oltre la processione, prevede quest’anno il concerto di Sal da Vinci che si terrà il 1 agosto in piazza Roma. Significativo il successo ottenuto da Volturara Outdoor che si è tenuto lo scorso 18 giugno. Una giornata all’insegna dello sport, tra le bellezze paesaggistiche della Piana del Dragone, prove di arrampicata ed enogastronomia tradizionale. Il 24 luglio, nel contesto della manifestazione “Artisti in Strada”, lo scrittore Franco Arminio parteciperà ad un convegno organizzato dalla Pro Loco e dall’Amministrazione comunale. Previste, inoltre, mostre fotografiche, di pittura convegni e serate teatrali.
Sono diversi gli eventi clou in un calendario ricchissimo di appuntamenti:
– La Festa del Fagiolo Quarantino, prodotto tipico di Volturara, con caratteristiche uniche e straordinarie che gli hanno valso il riconoscimento di Presidio Slow Food. Due appuntamenti per la decima edizione: dal 2 al 4 settembre, e dal 9 all’11.
–  I solenni festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova a cura del Comitato Festa, che si terranno da sabato 30 luglio a lunedì 1 agosto.
– La visita guidata al Dragone, con giornata di trekking a cura della Pro Loco, che si terrà il 3 luglio.
– Artisti in strada: convegno con lo scrittore Franco Arminio previsto per domenica 24 luglio.
– Previste poi varie serate musicali il 23 luglio, il 4 agosto, il 5 agosto con il Festival Canoro, e poi il 13, 20 e 21 agosto.
– Raduno Nazionale Panda 4×4 organizzato dal “Club Irpina” il 25 settembre nella Valle del Dragone.
– La Sagra della castagna del tartufo e fungo porcino si terrà dal 22 al 23 ottobre. Appuntamento voluto dalla Pro Loco che propone, anche quest’anno, la promozione di prodotti tipici di eccellenza che, al pari del Fagiolo Quarantino, hanno caratteristiche uniche e apprezzate in tutta la regione.
Vari gli eventi sportivi: 28 e 30 giugno, in calendario il Torneo di fine anno della scuola di Tennis; il 4 luglio il torneo di beach soccer; il 3 agosto il torneo delle attività commerciali.
“L’edizione 2022 della nostra Estate – afferma il Sindaco Nadia Manganaro – assume un valore speciale non solo perché il primo dopo lo stop determinato dalla pandemia, ma perché conferma, ancora una volta, un’offerta culturale e dell’intrattenimento di rilievo e di sicuro interesse non solo per chi vive in Irpinia. Raddoppiamo l’appuntamento della Festa del Fagiolo quarantino, che è certamente l’evento che richiama più persone da tutta la regione, e potenziamo l’offerta di eventi sportivi e culturali. Andiamo avanti anche sul versante della promozione delle nostre bellezze naturali e dei prodotti tipici della nostra terra.”
“Mi sento di dire un grazie sentito a tutte le associazioni e ai volontari che – aggiunge Manganaro – hanno dato un contributo decisivo alla programmazione dell’Estate e che concorreranno al successo di tutti gli appuntamenti in calendario. Un grazie agli amministratori e ai consiglieri comunali per come dimostrano, con i fatti, l’amore per la propria comunità. E’ evidente che questo lavoro fatto in sinergia, con passione e dedizione, torna utile a tutta Volturara e ad un’economia locale purtroppo provata dagli effetti del covid, prima, e del conflitto poi. L’auspicio – chiude Manganaro – è che questo sforzo comune possa far sì che la nostra Volturara faccia un ulteriore passo in avanti in termini di attrattività, diventi ancora più accogliente e sia, anche per noi residenti, un luogo sempre più bello in cui viverci.”