EMERGENZA PRESTAZIONI OSS, LA UIL FPL SCRIVE AI VERTICI DEL “MOSCATI”

EMERGENZA PRESTAZIONI OSS, LA UIL FPL SCRIVE AI VERTICI DEL “MOSCATI”

24 Marzo 2021 0 Di La redazione

“La UIL FPL di Avellino ribadisce, con forza e preoccupazione, la drammaticità della situazione venutasi a creare a causa dell’assenza di personale OSS nei reparti del Presidio Ospedaliero di c.da Amoretta”. Così il Segretario Provinciale Italo Capossela ed il Segretario Generale Gaetano Venezia della Uil FPL. “Si utilizza volutamente il termine “assenza” e non “carenza”, per sottolineare che, la gravità dell’essere il personale OSS numericamente nettamente inferiore al fabbisogno è tale da annullare l’esistente. Le circa 60 unità lavorative suddivise nei 25 servizi sono, infatti, quasi nulle a fronte di un fabbisogno, seppure non ancora determinato da codesta Azienda, certamente superiore alle unità esistenti, quindi, un deficit significativo della forza lavoro necessario a garantire l’igiene personale e l’assistenza semplice del malato in tutti i servizi in cura, ivi compreso le Sale Operatorie, Pronto Soccorso e l’imminente riapertura di tutte le attività ambulatoriali. Appare ovvio e lecito chiedersi quale tipologia di personale garantisce, attualmente, un dignitoso standard quanti–qualitativo delle specifiche prestazioni OSS rispetto ad una situazione così paradossale.
Forse viene garantito da altro personale, con diverse competenze professionali, determinando oltretutto fenomeni di mansioni inferiori? Giova qui ricordare e sottolineare che diversi Tribunali si sono già espressi in ordine al demansionamento infermieristico, consistente dallo svolgimento di mansioni inferiori, risarcibili quando queste diventano continue (cioè svolte tutti i giorni), prevalenti e strutturate. La scrivente Federazione, di fronte a questa inaccettabile circostanza, si vede costretta a ribadire l’obbligatorietà nonché improcrastinabilità ed urgenza, di
assumere personale OSS, qualifica imprescindibile per garantire gli standard minimi assistenziali legislativamente vigenti, onde fornire cure dignitose all’utenza bisognosa. Alla luce di quanto sopra, la presente Organizzazione Sindacale chiede una decisa accelerazione delle procedure concorsuali di assunzioni del personale
occorrente e la contestuale contrattualizzazione di tutto il personale necessario, rispetto agli attuali servizi sanitari che codesta Azienda è tenuta ad erogare. Inoltre, in considerazione delle sentenze del TAR della Campania e Consiglio
di Stato per analoghe vicende, si chiede che nei bandi di concorso per il personale OSS e infermieristico, sia prevista una sostanziosa riserva per il personale che ha già acquisito adeguata professionalità, assunto dalle cooperative e dislocato nei reparti del Presidio Ospedaliero. Confidando in un Vs. autorevole e convinto intervento risolutore, in attesa di un celere riscontro della presente, si coglie l’occasione per porgere cordiali saluti”.