Home / News / EMERGENZA CINGHIALI: «SUPERABILE IN DUE ANNI»

EMERGENZA CINGHIALI: «SUPERABILE IN DUE ANNI»

Spiega come il presidente regionale della commissione agricoltura Petracca «Sul’emergenza cinghiali come Commissione Agricoltura del Consiglio Regionale della Campania abbiamo interpretato il nostro ruolo provando a sollecitare il governo regionale con misure straordinarie. E ci siamo riusciti. Va in questa direzione l’approvazione avvenuta a metà maggio del piano straordinario triennale». Lo ha dichiarato Maurizio Petracca, presidente dell’VIII Commissione Permanente del Consiglio Regionale della Campania intervenendo a Serino nel corso di un’apposita tavola rotonda promossa dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la Banca di Credito Cooperativo.

«Inoltre – ha continuato Petracca –  in sede di approvazione del calendario venatorio, è stata prevista una battuta di caccia aggiuntiva e selettiva possibile anche in un’area inserita in parchi regionali come lo è, ad esempio, Serino. La battuta di caccia aggiuntiva è di tipo selettivo e ha una cadenza settimanale».

«Nel piano straordinario – ha così concluso Petracca –  sono state inserite misure specifiche per i danni alle colture. Misure che in realtà ci sono sempre state e che hanno ovviamente delle procedure da seguire perché si arrivi effettivamente al risarcimento.  In verità il nostro obiettivo è quello di lavorare per evitare che ci siano i danni. Al riguardo sono certo che se ciascuno farà il proprio dovere e se si seguiranno tutti gli step previsti dal piano straordinario, in un paio d’anni l’emergenza cinghiali sarà alle nostre spalle».

Circa Vincenzo Di Micco

Vincenzo Di Micco

Vedi Anche

3-0 NEL TEST IN FAMIGLIA: SUGLI SCUDI ASENCIO, ARDEMAGNI A RIPOSO

Test pomeridiano con la formazione Primavera al Partenio-Lombardi. L’amichevole si è conclusa con il punteggio ...

CUCCIOLO ABBANDONATO LEGATO VICINO AD UN PALO. ORA CERCA CASA

Tutti pensano che l’abbandono degli animali sia un fenomeno soprattutto estivo, dato dalla partenza delle ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *