ELEZIONI FIGC,  GRAVINA: “IMMAGINO DUE GIRONI DI SERIE B”

ELEZIONI FIGC, GRAVINA: “IMMAGINO DUE GIRONI DI SERIE B”

17 Febbraio 2021 0 Di Michelangelo Freda

Si avvicinano l’elezioni in Figc e  iniziano i proclami elettorali senza esclusioni di colpi. Dopo aver  letto i programmi elettorali di Gabriele Gravina  e Cosimo Sibilia, sappiamo bene quali sono  gli argomenti più caldi di questa tornata elettorale, anche se a dire il vero i dubbi continuano ad esserci. Senza dilungarci troppo, l’attuale presidente della Figc, Gabriele  Gravina, intervistato dalla Gazzetta dello Sport,  ha parlato  della riforma dei campionati e ha delineato la sua proposta: “Penso a una riforma da un punto di vista qualitativo, non quantitativo. Che riguardi tutto il sistema. Bisogna ritracciare il profilo dell’area professionistica e di quella dilettantistica. Così si surriscalda troppo il sistema. Ci sono turnover troppo alti, in serie B a ogni stagione cambia il 40 per cento delle squadre. Una retrocessa dalla A alla B non ce la fa, non basta il paracadute. E allora si deve agire sulla redistribuzione delle risorse e della flessibilità degli emolumenti. La soluzione potrebbe essere quella di due gironi di B, in verticale, non orizzontale”.

Continua Gravina: “Noi dobbiamo impedire che si creino dei disadattati sociali. In Lega Pro lo stipendio medio è di 30mila euro lordi: il rischio è di arrivare a 35-36 anni e di trovarsi in mezzo al guado del futuro senza mezzi. Per questo teniamo così tanto al contratto di apprendistato e alla formazione. Non c’è federazione al mondo che può tagliare gli stipendi. Parliamo di un’economia di mercato. Diverso è riuscire a sensibilizzare, e su questo l’interlocuzione con l’Aic ha trovato terreno fertile. E il tema deve andare di pari passo con dei meccanismi di controllo sul sistema. Oggi utilizziamo parametri che sono raggirabili, l’ipotesi è quella di un rating delle società per renderle più credibili anche verso il sistema bancario”.