ECCO IL COMMISSARIO PRIOLO:”IL COMUNE E’ CASA DEI CITTADINI E DEVONO SAPERE QUELLO CHE SI FA”

ECCO IL COMMISSARIO PRIOLO:”IL COMUNE E’ CASA DEI CITTADINI E DEVONO SAPERE QUELLO CHE SI FA”

27 Novembre 2018 0 Di Vincenzo Di Micco

Si è ufficialmente insediato questo pomeriggio a Palazzo di Città il Commissario Prefettizio Giuseppe Priolo. Al suo fianco il sub Commissario Silvana D’Agostino, vicario prefettizio, arriverà nei prossimi giorni anche il terzo componente della gestione commissariale, Mario Tommasino già commisario ad acta per il bilancio di rendiconto 2017. “Assumeremo decisioni aliene da preferenze di parte», queste le prime parole del Commissario Priolo che ha risposto ai cronisti che gli sottoponevano i temi chiave degli ultimi mesi, a cominciare dal nodo dissesto o pre dissesto.

«Assumeremo per tutte le materie le determinazioni necessarie, che saranno scevre da considerazioni di parte ma saranno solo nell’interesse dei Cittadini – ha aggiunto il Commissario, proseguendo – ascolteremo tutti, credo che sia dovere di tutti gli amministratori farlo, ancor più di amministratori straordinari; ascoltaremo i rappresentanti democratici, i dirigenti e i tecnici e poi assumermo determinazioni, ripeto, assolutamente aliene da qualsiasi preferenza di parte. È giusto ed è corretto che la politica abbia le proprie prerogative e aspettative. È parimenti giusto che l’Amministrazione ebba tenere conto soltanto dell’interesse dei cittadini, in questo senso svolgeremo il nostro mandato.
Dirvi che sono contento e onorato di essere qui credo che sia cosa giusta e corretta – ha proseguito il Prefetto – sono contento di aver avuto immediatamente il supporto dal Prefetto e dal suo Vicario D’Agostino oltre che da un dirigente che già conosce la situazione di Avellino Mario Tommasino, sono grato al Prefetto Tirone e al Ministro dell’Interno che mi ha designato.

In attesa di leggere le carte, che messaggio si sente di dare alla Città?

Il Commissariamento è una cosa fisiologica. Le Amministrazioni a volte cadono per meccanismi di sfiducia, altre volte per dimissioni, altre volte in alcune realtà per provvedimenti sanzionatori, non è questo il caso. Il compito nostro è gestire al meglio questo periodo che naturalmetne è solo di transizione. Perché ogni comunità ha diritto di essere amministrata dai propri rappresentati legittimamente eletti.

Sarà più semplice per lei gestire Avellino dopo aver guidato comuni sciolti per mafia? Qui la aspetta un lavoro più agevole?

L’Amministrazione di un ente o comune in particolare non è mai agevole. No lo è per me, né per i sindaci eletti. È una gestione impegnativa sempre,  a tutte le latitudini da nord a sud. Nella mia carriera ho girato l’Itaila e vi assicuro che non esistono isole felici né area etichettate come gestite male. Ci sono differenze e problematiche peculiari, ma non è mai agevole.

Sarà una fase di transizione ma subito dovrà assumere decisioni su Dissesto o Pre Dissesto ?

Mi sono appena insediato… Terremo una conferenza stampa dove forniremo elementi. So che una delle prime problematiche da affrontare è questa ma dateci il tempo di ascoltare i soggetti interessati e poi assumeremo le nostre determinazioni, solamente facendo scelte di carattere tecnico, obiettive.

Infine, le rassicurazioni alla Città, che sarà aggiornata sulle attività: “Il Comune è casa dei cittadini e devono sapere quello che si fa qui”, parola di Commissario.

“Il Comune è la casa dei cittadini e devono sapere tutto quello che si fa qui”

GUARDA IL VIDEO