E’ IL MANIFESTO DELLA VERGOGNA, E IL M5S NE E’ CONSAPEVOLE

13 agosto 2018 0 Di Sandro Feola

Il M5S irpino si prepara a una nuova campagna elettorale in città? Ipotesi da non scartare, potrebbe aver realizzato, infatti, che Ciampi non regge, e non solo perché azzoppato dalla mancanza di una maggioranza in Consiglio Comunale. Così dalle parti di corso Vittorio Emanuele potrebbero aver pensato bene di rispolverare l’armamentario di polemiche e provocazioni, che solitamente servono a dividere i cittadini, a riportarli sul piano dello scontro, ma soprattutto a parlare alla pancia della città, quella che – tutto sommato – è abbastanza incazzata per i festeggiamenti che non ci saranno.

Sia chiaro, i 6×3 con i volti dei consiglieri comunali sono una porcheria della quale credo si dovrà occupare anche la Magistratura. E’ tipica di chi ha poco spessore culturale, politico e istituzionale. Ma non di chi non ha la piena consapevolezza che di quei manifesti si parlerà, si discuterà. Tanto, e a lungo. Proprio perché sono così insultanti nei confronti della democrazia e delle sue regole, della civiltà dei rapporti e del rispetto che dovrebbe esserci tra rappresentanti dei cittadini. Proprio per quello gli elettori, soprattutto quelli meno addentro alle dinamiche amministrative, vorranno sapere e si informeranno.

Triste a dirsi, ma questo corale stracciarsi le vesti, ovviamente più che giustificato e anche doveroso, è ciò che il Movimento 5 stelle voleva. Per prepararsi ancora una volta a chiedere il consenso degli elettori sulla base della distinzione tra bene e male, buoni e cattivi, passato e futuro. E tra quelli che le giostre, i fuochi e Clementino li avrebbero voluti e chi, giustamente, ha detto no.