DE LUCA MANTIENE LA PROMESSA: FIRMATO IL DECRETO PER LA RADIOTERAPIA AD ARIANO.

DE LUCA MANTIENE LA PROMESSA: FIRMATO IL DECRETO PER LA RADIOTERAPIA AD ARIANO.

3 luglio 2018 0 Di Monica De Benedetto

Le associazioni arianesi e i gruppi politici esprimono soddisfazione per la firma da parte di De Luca del decreto per l’istituzione della Radioterapia ad Ariano. Il Commissario ha mantenuto la promessa fatta quando visitò l’Ospedale Frangipane.

La radioterapia all’Ospedale Frangipane di Ariano è oramai cosa certa. Pubblicato sul BURC il Decreto n. 49 del Presidente della Regione De Luca, Commissario “ad acta” che approva la programmazione dell’ASL di Avellino per l’attivazione del servizio per i malati oncologici. Certo si tratta solo il primo step di un lungo cammino ma c’è un impegno economico di 6 milioni di euro e pare che già siano stati individuati gli spazi all’interno del nosocomio arianese da adeguare per ospitare l’acceleratore lineare. Nel documento si prevedono sei radioterapie in tutta la Regione Campania tra pubblico e privato: oltre alle due già attive al Moscati, e una al Rummo, restano da realizzare quella di Ariano, una nella struttura privata di Mirabella, e un’altra a Benevento.

Soddisfazione viene espressa da più fronti poichè ad un certo punto sembrava sfumata ogni possibilità per Ariano. Tant’è che le associazioni a cominciare dal Tribunale per i Diritti del Malato, avevano avviato una serie di iniziative. Ricordiamo le 12mila firme raccolte da Harambee e Amdos, il deliberato unanime del Consiglio Comunale di Ariano su spinta del Partito Socialista di far voti alla Regione affinchè istituisse presso il Frangipane il servizio di radioterapia e ci mettiamo anche i tanti servizi giornalistici di Telenostra tra le sollecitazioni, utili, quanto meno, a tenere alto l’interesse sull’argomento. E dunque promessa mantenuta da parte del Commissario De Luca.

Per Giuseppe De Mita bisognava solo aspettare i modi e i tempi che queste procedure necessitano e che il rischio che la radioterapia sfumasse era solo una detrazione: “Il merito di questi risultati – afferma – è normalmente la conseguenza di un impegno civile plurale e diffuso, non certo di rivendicazioni individuali. E una volta di più dimostra che basta avere pazienza perché si distinguano le verità dalle maldicenze”.

Guarda il servizio: