DE LUCA: «L’OBIETTIVO È SALVARE VITE. METTEREMO IN CAMPO AZIONI DA GUERRA»

DE LUCA: «L’OBIETTIVO È SALVARE VITE. METTEREMO IN CAMPO AZIONI DA GUERRA»

16 Ottobre 2020 0 Di La redazione

In attesa delle decisioni del Governo, il Presidente della giunta Regionale annuncia il possibile coprifuoco sulla mobilità dopo la mezzanotte in Campania. Le altre misure pronto ad essere varate: cancellazione di ogni festa o celebrazione per Halloween, restrizione degli orari per il jogging dalle 6 alle 8 di mattina, avvio di nuove verifiche per il recupero di posti letto negli ospedali campani, blocco degli interventi chirurgici non indispensabili, avvio di verifica per il potenziamento di un terzo dei trasporti con il Governo al quale chiede di varare un piano di aiuti socio economici per le categorie che si ritroveranno a chiudere. Gli effetti delle decisioni sulle scuole, dice De Luca, si vedranno tra venti giorni

Con questa media di contagi serviranno 30-35 posti in ospedale al giorno. I casi positivi di oggi sono 1.261 su 14 mila tamponi effettuati. Ma con l’arrivo dell’influenza e l’innalzamento della età dei malati serviranno altri posti in terapia intensiva se non conterremo il contagio. 

  IN AGGIORNAMENTO

QUESTI ALCUNI FLASH DEL DISCORSO DEL GOVERNATORE

‘IN CAMPANIA META’ DEI CONTAGI PER COMPORTAMENTI IRRESPONSABILI

In Campania più della metà dei contagi vanno ricondotti a comportamenti irresponsabili, incivili, delinquenziali. Purtroppo questa è la realtà con la quale dobbiamo fare i conti”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. “Ci potremmo risparmiare tante misure – ha aggiunto De Luca – ma in queste condizioni ci prenderemmo in giro e saremmo obbligati fra tre settimane a fare cose dolorosissime che vorremmo ancora cercare di evitare. L’obiettivo dal punto di vista economico è tenere in piedi l’80-90% delle attività economiche, se la gente ci aiuta con piccoli sacrifici: mascherina sempre, lavaggio delle mani, basta uscite irresponsabili di notte. Non mi sembrano sacrifici impossibili da sostenere”.

 

SCUOLA? SCELTA DIFFICILE MA NECESSARIA

“In Campania non sono state chiuse le scuole, abbiamo deciso due settimane di didattica a distanza. Una scelta difficile, non presa a cuor leggero, ma era una delle misure necessarie da prendere, anche secondo gli epidemiologi. Ora dobbiamo usare responsabilmente queste due settimane per lavorare sull’aumento delle linee di trasporto e sulla differenziazione degli orari, ricorrendo anche a turni pomeridiani se necessario”. Così il governatore Vincenzo De Luca: “La scuola è un tema delicatissimo, cui teniamo tutti. Su ciò che ho sentito non farò commenti e non rispondo a nessuno”

 

CORONAVIRUS: DE LUCA “NON RISPONDERÒ A NESSUNA CRITICA, SERVE UNITÀ”

“Saltero’ ogni commento su quello che e’ stato detto e scritto in queste settimane. Non rispondero’ a nulla, dovrei perdere ore intere per replicare a cose indegne a cui abbiamo assistito”. Cosi’ Vincenzo De Luca nel corso del suo consueto appuntamento del venerdi’ pomeriggio per fare il punto sull’emergenza Coronavirus. Sotto attacco su fronti locali e nazionali dopo l’ultima ordinanza con la quale, tra l’altro, e’ stata disposta la chiusura fino al 30 ottobre di scuole e universita’, il governatore della Campania preferisce glissare sulle critiche: “Non rispondero’ per due ragioni – spiega De Luca -. Non abbiamo tempo da perdere e viviamo una situazione cosi’ grave in Italia che rende necessario preservare l’unita’ evitando chiacchiere inutili”.