DATI FALSI IN DOMANDA PER IL REDDITO DI CITTADINANZA: DOVRA’ RESTITUIRE 12MILA EURO

DATI FALSI IN DOMANDA PER IL REDDITO DI CITTADINANZA: DOVRA’ RESTITUIRE 12MILA EURO

20 Agosto 2020 0 Di La redazione

Torella dei Lombardi. Ha dichiarato il falso dicendo di risiedere in Italia da dieci anni e in maniera continuativa negli ultimi due. Denunciata dai Carabinieri una  40enne dell’est che dal 2019 percepiva 600 euro al mese non dovuti  

Truffa ai danni dello Stato” e “Falsità ideologica commessa dal privato in atti pubblici”: sono questi i reati di cui dovrà rispondere una 40enne originaria dell’Est Europa, denunciata dai Carabinieri della Stazione di Torella dei Lombardi.

Attraverso l’esame incrociato dei dati documentali e delle informazioni acquisite nel corso di specifici servizi di controllo del territorio con quelli forniti dal comune di residenza, sono emerse inesattezze nella dichiarazione prodotta dalla donna circa il possesso dei requisiti soggettivi per ottenere il reddito di cittadinanza.

In particolare la donna, al fine di ottenere il beneficio, attestava falsamente di essere residente sul territorio italiano da almeno 10 anni e in modo continuativo nell’ultimo biennio.

Dal 2019 percepiva quindi, senza averne diritto, poco meno di 600 euro al mese.

Gli esiti delle attività sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Avellino e all’Inps per l’interruzione dell’elargizione del sussidio e il recupero delle somme indebitamente percepite, che hanno prodotto un danno erariale di circa 12mila euro.