DAL 3 GIUGNO VIA LIBERA AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI, MA NON MANCANO TENSIONI

DAL 3 GIUGNO VIA LIBERA AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI, MA NON MANCANO TENSIONI

30 Maggio 2020 0 Di Leonardo D'Avenia

Nel corso della riunione di governo tenutasi a Palazzo Chigi è stata confermata la data del 3 giugno per l’apertura dei confini regionale ma anche nazionali ai paesi europei. I dati dell’Istituto superiore di sanità spingono verso la riapertura completa del paese: il 3 giugno cadranno i divieti di spostamento e sarà possibile tornare a muoversi liberamente in tutta Italia, dopo quasi tre mesi. La conferma è arrivata dal ministro della Salute Roberto Speranza: “Il decreto legge vigente prevede dal 3 giugno la ripresa degli spostamenti infraregionali e al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti” ha sottolineato ribadendo però che da qui a martedì continuerà ad essere monitorato l’andamento della curva. Gli scienziati infatti avvertono: l’incidenza dei casi “è molto eterogenea” sul territorio nazionale, ci sono Regioni con un numero molto elevato e altre a basso contagio; ecco perché, nel momento in cui aumenterà “la frequenza e l’entità” della circolazione nel paese, bisognerà avere molta cautela ed essere pronti a isolare gli eventuali nuovi focolai. Il ministro delle Regioni Francesco Boccia sta sentendo singolarmente i governatori già da giorni sulla Fase 2 e sulla riapertura dei confini regionali, e continuerà anche nei prossimi giorni a sentire i presidenti di regione, ma nessuna convocazione della cabina di regia è prevista al momento. Anche continuano se ed esserci tensioni con il Governatore De Luca che vorrebbe limitare l’ingresso dei lombardi in Campania. In ogni caso i governatori potranno decidere se far scattare misure di contenimento e toccherà al ministro Boccia valutare se impugnare o meno quarantene, patenti di immunità o altre decisioni troppo restrittive o incostituzionali.