CRISI DELLO SPORT BIANCOVERDE: TUTTI ALLA RICERCA DELLE VERITA’, INTANTO DE CESARE PENSA “IN SILENZIO”

CRISI DELLO SPORT BIANCOVERDE: TUTTI ALLA RICERCA DELLE VERITA’, INTANTO DE CESARE PENSA “IN SILENZIO”

25 Luglio 2019 0 Di Leonardo D'Avenia

Tic tac. Tic tac. Il tempo passa, le voci si rincorrono, le scadenze incombono e apparentemente tutto resta invariato. I trambusti di questi giorni, o meglio di queste settimane sembrano non aver smosso la posizione di Gianandrea De Cesare. Il numero uno di Sidigas chiuso nel suo silenzio continua a latitare, ma sembra si stia muovendo qualcosa sotto traccia. In primis è chiamato a valutare e rispondere entro pochi giorni all’offerta presentata da Angelo Antonio D’Agostino, ma anche all’altra offerta che sembra essere pervenuta, sulla quale però non ci sono ancora riscontri ufficiali. L’offerta economica presentata dall’imprenditore di Montefalcione ha fatto molto discutere, come era lecito aspettarsi. Fatto sta che un passo concreto, l’unico finora, è stato fatto per l’acquisizione di quote alle quali non è stato dato un valore effettivo. Mezzo milione di euro, più l’appianamento di pendenze, più naturalmente le spese di gestione per un campionato di Serie C: un milione di costi fissi e due milioni per la composizione della rosa. Insomma dietro all’offerta di 500mila euro c’è molto di più. Se l’offerta di D’Agostino ha un termine, sembrerebbe che anche gli altri che hanno presentato della manifestazioni d’interesse si stiano tirando indietro non avendo avuto alcun tipo di riscontro. Mentre pensa De Cesare però qualche passo lo ha fatto convocando a Napoli il direttore Musa, che dopo l’addio di Bucaro, è in attesa di capire il suo futuro. Resta da capire ora se Musa resterà e verrà salutato. Intanto altre voci si rincorrono su un possibile addio del presidente Mauriello, al quale è stato dedicato una striscione da parte della Curva Sud, ma anche in questo caso non ci sono riscontri ufficiali. In questo momento estremamente delicato ogni voce di corridoio diventa una notizia, e tutti diventano profeti e messia, custodi di questa o quella verità nascosta. Ora come ora le verità sono poche, un’offerta congrua è stata presentata, De Cesare continua a rimanere rintanato ed in silenzio, i tifosi sono esasperati e soprattutto il tempo passa e tutto resta fermo.