Home / Politica / COZZOLINO SUL CASO DE LUCA: “PALESI GLI ERRORI, BISOGNA RECUPERARE CREDIBILITA'”

COZZOLINO SUL CASO DE LUCA: “PALESI GLI ERRORI, BISOGNA RECUPERARE CREDIBILITA'”

andrea-cozzolino

“Sulla vicenda che sta coinvolgendo il Presidente della regione Campania, Vincenzo de Luca, mi associo a quanto dichiarato dal premier Matteo Renzi. Ho massima fiducia nel lavoro della magistratura e mi auguro che in tempi rapidissimi si possa fare chiarezza. Innanzitutto per il bene dei cittadini campani che meritano trasparenza e legalità nelle loro Istituzioni”. Andrea Cozzolino, europarlamentare del Partito Democratico, interviene sul caso De Luca e spiega le ragioni che lo hanno spinto a non partecipare alla riunione convocata da Assunta Tartaglione in Via Santa Brigida. “L’obiettivo è recuperare il rapporto dei cittadini con le Istituzioni. Ed è in questo verso che dobbiamo lavorare. Si sono commessi molti ed evidenti errori e questo è sotto gli occhi di tutti: adesso bisogna riaffermare, fino in fondo, la funzione dei partiti che devono essere al servizio delle Istituzioni oltre gli interessi dei singoli. D’altronde non ci possono essere Istituzioni rispettate dai cittadini se i partiti, a partire dal nostro PD, non ritrovano le ragioni di un’etica alta come precondizione per recuperare una credibilità perduta. Oggi non è così, e dobbiamo dircelo, non tutti gli atti sono stati compiuti, la posta in gioco è troppo alta, riguarda la credibilità nel rapporto tra i cittadini e le Istituzioni: se non assumiamo questo dato condanniamo noi stessi ad una seria, profonda ed irrecuperabile marginalità politica”.

 

 

Circa La redazione

La redazione

Vedi Anche

DE STEFANO (FDI) A “FATTI PER LA POLITICA”. PARCHEGGIATORI? PER NOI NESSUN IMBARAZZO ALLA SOLIDARIETA’

Non solo Pd. Il dibattito su candidature e alleanze in Irpinia investe il centrodestra. Ospite ...

LAVERONE: FERITA AL POLPACCIO DESTRO SUTURATA, GIRONE DI ANDATA CONCLUSO

E’ stata suturata la profonda ferita lacero contusa al polpaccio destro rimediata da Lorenzo Laverone ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *