COVID, IL GARANTE PER I DETENUTI CIAMBRIELLO IN VISITA AL CARCERE DI BELLIZZI: “QUI POCHI CONTAGI”

COVID, IL GARANTE PER I DETENUTI CIAMBRIELLO IN VISITA AL CARCERE DI BELLIZZI: “QUI POCHI CONTAGI”

25 Gennaio 2021 0 Di La redazione

Samuele Ciambriello, garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, ha visitato oggi il carcere di Bellizzi Irpino in cui sono ristretti 423 detenuti, di cui 25 donne. Ricevuto dal direttore, Paolo Pastena, dalla vice-direttrice, dottoressa Laura Abbruzzese, e dal commissario di polizia penitenziaria, dottor Attilio Napolitano, ha incontrato sia le detenute, a cui ha consegnato individualmente un libro, sia i detenuti soffermandosi a colloquio con alcuni di loro. Il Garante si è congratulato con la Direzione visto l’importante numero – tra i più alti che si registrano in Campania – di detenuti iscritti alle Scuole medie superiori (Liceo artistico e Istituto geometra).

“In questo istituto – ha detto Ciambriello – nel periodo di emergenza da Covid-19 sono stati registrati solo 3 contagi tra i detenuti e 14 tra gli agenti di polizia penitenziaria, il contenimento dell’espansione dell’epidemia ha consentito la regolare frequenza de visu dei corsi di istruzione e di formazione presenti in istituto, tra gli altri due progetti promossi dal mio ufficio dedicati uno alla genitorialità per i detenuti, l’altro all’avviamento alla figura sartoriale per le donne.

Dispiace stigmatizzare la mancanza nell’istituto di figure sociali (psicologi, psichiatri, assistenti sociali) di competenza dell’Asl e l’inutilizzo, ormai da decenni, del campo sportivo. Ritengo fondamentale per un efficiente progetto di reinserimento, che vi sia un’offerta trattamentale completa, ai percorsi di istruzione, destinati alla didattica e all’induzione verso una professione, é necessario affiancare attività ludiche e ricreative”. Nel carcere attualmente sono operativi 170 agenti di polizia penitenziaria, di cui 15 destinati al reparto femminile. Volendo rispettare le indicazioni della pianta organica – sottolinea il garante – sono necessarie altre 50 unità.