COSIMO SIBILIA NUOVO PRESIDENTE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI

28 gennaio 2017 0 Di Leonardo D'Avenia

L’Assemblea elettiva della Lega Nazionale Dilettanti, tenutasi oggi presso l’Hotel Hilton Rome Airport di Fiumicino, ha eletto all’unanimità Cosimo Sibilia al suo primo mandato come numero uno della componente più vasta del calcio italiano. Sibilia è il nono presidente nella storia della Lega Nazionale Dilettanti ed è espressione dell’area geografica del Meridione. Una nomina frutto di un percorso elettorale formidabile. Sibilia infatti è stato designato all’unanimità dalle Assemblee dei Comitati, della Divisione Calcio a Cinque e dei Dipartimenti Interregionale e Calcio Femminile. Per Cosimo Sibilia, rientrato nell’universo LND nell’aprile del 2016 con la carica di Commissario Straordinario del Comitato Regionale Campania LND, è il coronamento di un cammino sportivo compiuto all’interno dell’alveo federale. Dal 1994 al 2000 ha guidato il Cr Campania LND, dal 1996 al 2009 è stato membro della Giunta CONI della sua regione, e dal 7 marzo dello stesso anno, ne è diventato presidente, confermato anche per il quadriennio 2013-2016. Dirigente benemerito della LND e Stella d’oro del Coni al merito sportivo. Cosimo Sibilia comprensibilmente emozionato ha abbracciato idealmente la platea: Se penso che ho iniziato come calciatore e poi ho seguito tutto il percorso istituzionale dal basso, mi vengono in mente tutte le società della Lega Nazionale Dilettanti, a chi lavora sul campo con spirito di sacrificio. M’identifico in pieno nei valori del calcio di base, oggi ho coronato un sogno. E’ un onore per me poter presiedere la LND che è il cuore pulsante del calcio per numeri e valori”. Cosimo Sibilia ha ricordato l’importanza della Lega Nazionale Dilettanti e la sua funzione all’interno del sistema paese: “L’Italia è cambiata tanto da quando è stata fondata la LND. Tuttavia l’istituzione che avrò l’onore di presiedere può contare sempre sulla volontà, la passione e l’impegno delle persone perché la LND è radicata profondamente nel territorio. La Lega Nazionale Dilettanti fattura quasi un miliardo di euro, conta più di 13.000 società e più di un milione di tesserati, un italiano su 56 è tesserato per una società dilettantistica, questa è la fotografia più nitida di quanto impatti nel sistema paese. Sibilia ha illustrato la mission della LND: L’ambito sociale è il nostro primo pensiero ma c’è bisogno di più. E’ necessaria un’azione ulteriore per guardare lontano con una programmazione di lungo corso che vada oltre la quotidianità evitando ‘voli pindarici’. Servono nuove idee per conquistare ulteriori risorse economiche. Serve ulteriore impegno per lo sviluppo del calcio femminile così come una partecipazione sempre più numerosa di donne nell’ambito della LND”.