CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’OMS PER EVITARE IL CONTAGIO E LA PAURA

CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’OMS PER EVITARE IL CONTAGIO E LA PAURA

30 Gennaio 2020 0 Di Anna Guerriero

Sul coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo dalla Cina c’è ancora tanto da scoprire. Gli esperti hanno quindi emanato una serie di consigli, la maggior parte dei quali generici in caso di malattie di questo tipo, che dovrebbero se seguiti cercare di rallentare il diffondersi della malattia.

Per quanti devono necessariamente partire è consigliato adottare le misure di prevenzione generale tra cui:
– lavaggio accurato delle mani per almeno 20 secondi
– consumare solo cibo ben cucinato e bere acqua in bottiglia
– evitare luoghi di assembramento quali mercati di animali vivi e morti
– evitare il contatto stretto con malati o, in caso, non si possano adottare queste misure coprirsi narici e bocca con mascherina
– evitare di tossire o starnutire senza coprirsi con un fazzoletto o in mancanza di questo si consiglia di tossire nell’incavo del gomito.

Al personale sanitario che si accinge a visitare un malato sospetto, per motivi precauzionali, si raccomanda che, oltre a adottare le misure standard di biosicurezza, applichi le precauzioni per prevenire la trasmissione per via aerea e per contatto. In particolare, dovrebbe indossare mascherina e protezione facciale e guanti.

 

Per i contatti/familiari di pazienti affetti da sospetta infezione o fintanto che avvenga il trasporto del malato in ospedale è consigliato quanto suggerito dall’Oms:
– collocare il paziente in una stanza singola ben ventilata
– limitare il numero di assistenti del paziente, idealmente una sola persona in buona salute
– nessun visitatore
– i membri della famiglia dovrebbero stare in una stanza diversa o, se ciò non è possibile, mantenere una distanza di almeno un metro dalla persona malata (ad es. dormire in un letto separato); ridurre al minimo la condivisione spazio e garantire che gli spazi condivisi siano ben ventilati.

L’assistente del malato dovrebbe sempre indossare una maschera medica ben aderente quando nella stessa stanza con il malato. Scartare la maschera dopo l’uso e lavare le mani dopo la rimozione della maschera; lavare le mani dopo ogni contatto con il malato usando sapone e acqua quando le mani sono visibilmente sporche. Utilizzare asciugamani di carta usa e getta; se di stoffa, sostituirli quando si bagnano; eliminare i materiali utilizzati per coprire la bocca o il naso; evitare il contatto diretto con i fluidi corporei, in particolare per via orale o secrezioni respiratorie e feci.

Evitare di condividere spazzolini da denti, sigarette, utensili da cucina. Le stoviglie devono essere pulite con sapone o detersivo e acqua dopo l’uso e possono essere riutilizzati; pulire e disinfettare le superfici più frequentemente toccate come comodini, giroletti e altri mobili per la camera da letto e bagno ogni giorno con un normale disinfettante domestico contenente soluzione di candeggina diluita (candeggina in una parte per 99 parti di acqua); pulire vestiti, lenzuola, asciugamani e teli da bagno usati dalle persone malate in lavatrice a 60-90 °C ; tutti i membri della famiglia devono essere considerati contatti e la loro salute dovrebbe essere monitorata: se un membro della famiglia sviluppa sintomi di infezione acuta respiratoria, inclusi febbre, tosse, mal di gola e respirazione difficile, inquadralo come possibile infetto.