CONTROLLO STRAORDINARIO DEL TERRITORIO, IN CAMPO I CARABINIERI DELLA COMPAGNIA DI MONTELLA

CONTROLLO STRAORDINARIO DEL TERRITORIO, IN CAMPO I CARABINIERI DELLA COMPAGNIA DI MONTELLA

15 Giugno 2020 0 Di La redazione

I Carabinieri della Compagnia Montella non mollano la presa sul territorio dell’Alta Irpinia, dove sono stati intensificati i servizi di prevenzione e sicurezza. Con perquisizioni, posti di blocco e una massiccia presenza nelle strade, i Carabinieri stanno eseguendo quotidiani e mirati controlli che, nel weekend appena trascorso, hanno portato al deferimento in stato di libertà di 2 persone e all’allontanamento di 5 pregiudicati. In particolare, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno denunciato un uomo di Volturara Irpina, già noto alla Forze dell’Ordine, che, a seguito di incidente stradale e nonostante l’evidente sintomatologia, rifiutava l’invito di sottoporsi al test alcolemico. Per lui, oltre al ritiro della patente ed al sequestro del veicolo, è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato denunciato anche un trentenne della provincia di Salerno: fermato a Senerchia dai Carabinieri della locale Stazione, all’esito di perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di un’ascia di cui non era in grado di giustificarne il porto. L’arma bianca è stata sottoposta a sequestro. Sono stati invece allontanati con proposta di Foglio di Via Obbligatorio quattro uomini (tutti di origini romene e residenti in provincia di Caserta, di età compresa tra i 30 ed i 40 anni e gravati da precedenti di polizia principalmente per reati contro il patrimonio), che, in orario notturno e senza giustificato motivo, venivano sorpresi dai Carabinieri della Stazione di Caposele, aggirarsi con fare sospetto nei pressi di alcune abitazioni rurali di quel Comune. Per la stessa misura di prevenzione è stato proposto anche un trentenne di Napoli, con a carico svariati precedenti di polizia, sorpreso in atteggiamento sospetto a Senerchia: opportunamente interpellato, non era in grado di fornire ai Carabinieri della locale Stazione, una valida giustificazione circa la sua presenza in quel luogo.