CONGRESSO PD, ERMINI: «INCONTRO PROFICUO. È QUESTIONE DI VOLONTÀ»

11 aprile 2018 0 Di La redazione

 

Dopo le critiche il confronto tra Ermini, Di Guglielmo e Ciarcia. Il Commissario: «Aspetto le decisioni sui ricorsi e le scelte dei candidati. Incontro proficuo, ci sono le condizioni per smussare gli angoli e portare a termine il percorso»

Da un lato i ricorsi, presentati agli organi di garanzia del partito. Dall’altro il confronto faccia a faccia, nel tentativo in extremis di riannodare i fili. Ennesima puntata della telenovela Congresso provinciale Pd. Le Commissioni di garanzia, regionale prima e nazionale poi, si pronunceranno a breve sulle presunte anomalie nella platea degli iscritti riscontrate dalle anime critiche; quelle favorevoli potrebbero a loro volta replicare, con il Congresso destinato ad evaporare nello scontro. Ermini, che dal canto suo ha sempre invocato un’assise sui contenuti, lo sa bene. E così, dopo aver dovuto incassare due rinvii in passato, ha fatto tappa ad Avellino per esplorare la via del confronto con i due candidati alla Segreteria, Ciarcia e Di Guglielmo. C’è massimo riserbo dei protagonisti sui contenuti dei colloqui. Prima di lasciare l’Irpinia, il deputato toscano si è limitato a dichiarare: «L’incontro è stata proficuo. Credo sia solo una questione di volontà. Smussando gli angoli  il percorso congressuale può chiudersi in maniera tranquilla, attendo ora le decisioni dei candidati e delle Commissioni di garanzia». Napoli e Roma dovrebbero pronunciarsi nel giro di 48 ore, non più tardi del week end. A rigor di logica, seppure i ricorsi venissero respinti, la procedura potrebbe imporre un rinvio nelle scadenze fissate per sabato e domenica. Le vie diplomatiche, comunque, tenderanno ad avere la meglio su quelle burocratiche. Nell’attesa delle dichiarazioni ufficiali dei candidati segretari, dopo i rallentamenti, il congresso va, moderatamente, avanti.