Home / Attualità / CONGRESSO PD: DAL PANTANO ALLA SABBIA

CONGRESSO PD: DAL PANTANO ALLA SABBIA

Trame e tranelli s’intrecciano e si sciolgono nel Pd. La lotta intestina tra le anime del partito si è spinta talmente oltre da aver annullato addirittura ogni capacità decisionale. La celebrazione di un congresso, ordinario o straordinario, anzi, la celebrazione stessa di un congresso o il commissariamento, sono tutte ipotesi circolate e circolanti. Esaurita la fase politica del Direttorio, un anno e mezzo dopo le dimissioni forzate di De Blasio, il pantano ristagna. Esclusi i capilista bloccati che si decideranno a Roma. In attesa della legge elettorale, tutto il resto al momento è magma incandescente. Difficile se non impossibile al momento azzardare ipotesi e prevedere il futuro sull’esito della vera contesa che , a Roma come in Irpinia, si consuma in queste ore: le scelte dei futuri candidati al Parlamento. C’è chi ha osteggiato il congresso temendo di essere trombato dai rapporti di forza cambiati in continuazione, nel classico gioco a “fotti compagni”. E c’è chi il congresso lo ha prima favorito e poi osteggiato perché “ora fotteva” e un attimo dopo “veniva fottuto”. Commissariare il partito significherebbe in questo clima dare il benservito, in un solo colpo, al Direttorio e a De Luca che tenta la scalata regionale alla Segreteria. Ma la scelta di un commissario è tutt’altro che semplice. Dove lo si trova un estraneo alle correnti, un’anima pia, uno che nulla vorrebbe in cambio, disposto ad indossare la divisa di super eroe super-partes? I fasti del Pd del 40% alle europee, a Roma come in Irpinia, sembrano lontani anni luce. Appartengono ad un’altra era politica, pre-referendum. A Roma come in Irpinia, oggi, forse complice il caldo eccezionale e la carenza d’acqua, si boccheggia, si annaspa, si traccheggia. Lentamente, gli scontri tra anime, hanno scavato un solco: nel mezzo vi è il pantano già descritto da cui non sarà semplice uscire; tutt’intorno la voragine si allarga, aumentando a dismisura e la distanza tra partito, elettorato e territorio. Lo scontro tra anime sembra destinato a condannare il Pd all’inferno mentre grillini e centrodestra rinsaldano le ideologie. Pagherà dazio il Pd alle politiche, a Roma come in Irpinia. Ancora più danno , in termini di perdita del consenso, sarebbe la mancata celebrazione di un congresso che lascerebbe alla mercé del maldipancista di turno le trattative per le prossime comunali e la futura amministrazione dovesse mai essere di matrice democratica. Arcani della politica difficili da svelare e da raccontare ai cittadini. Cosa immaginate ne pensi un militante Pd senza troppe pretese di un congresso bloccato, rinviato, fissato e nuovamente smantellato? Elevate al cubo e potrete immaginare anche il pensiero dell’elettore simpatizzante – disinteressato. Per concludere: venga un commissario, si riaprano, si azzerino o si definiscano i tesseramenti, si scelgano i candidati al Parlamento, alla segreteria Provinciale, agli enti locali, si definiscano le alleanze… la domanda è, a Roma come in Irpinia: nel Pd c’è qualcuno che ha la forza di assumere una decisione e portare avanti la linea? Credo di no.Nel frattempo, anche per queste ragioni, la provincia irpina è alle prese con il dramma occupazionale, l’emergenza idrica, le carenze in sanità e trasporti, il disagio sociale e il malaffare. Una terra verde che si riduce a deserto: nel turbinio della bufera democratica ciò che avanza è soltanto sabbia.

Circa Vincenzo Di Micco

Vincenzo Di Micco

Vedi Anche

LE SCUOLE DI ATRIPALDA SONO SICURE? IL SINDACO TIRI FUORI LE CARTE

Commissionato da otto mesi uno studio sulla staticità degli edifici atripaldesi. Ancora nessuna notizia alla ...

ARIANO IRPINO, AGENTI DI POLIZIA AGGREDITI IN CARCERE

LE PROTESTE DEL SAPPE: “CAMPANIA PENITENZIARIA E’ ALLO SBANDO” Ancora alta tensione in un carcere ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *