CONFIMPRENDITORI.BANDO CONTRIBUTO ADEGUAMENTO DVR COVID-19

CONFIMPRENDITORI.BANDO CONTRIBUTO ADEGUAMENTO DVR COVID-19

29 Aprile 2020 0 Di Anna Guerriero

La Confimprenditori di Avellino,  concede un contributo agli artigiani, commercianti e  piccole aziende della provincia di Avellino per le spese sostenute  per l’adozione di misure di contrasto alla diffusione del coronavirus.

Il contributo accordato a ciascuna impresa richiedente sarà pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di euro 500,00 e nel limite dei fondi messi a disposizione per lo scopo.

E’ ammissibile la seguente spesa:

  1. aggiornamento del Documento Unico di Valutazione dei Rischi aziendali COVID-19;

adempimento obbligatorio vista la nota della Prefettura di Avellino prot. 22671 del 9/4/2020  e la Circolare dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro n. 89 del 13 marzo u.s.

La domanda di contributo potrà essere presentata a partire da lunedì 11 maggio 2020 esclusivamente per via pec a:

confimprenditoriavellino@pec-legal.it

alla pratica bisogna allegare i seguenti documenti:

  1. copia del documento di riconoscimento e codice fiscale del titolare dell’azienda.
  2. copia fattura in formato elettronico in cui deve essere specificata la spesa sostenuta (aggiornamento DVR allegato COVID-19)
  3. bonifico del pagamento effettuato indicando il numero della corrispondente fattura elettronica

Per informazioni di qualsiasi tipo, relative a questo bando o all’invio della pratica di contributo, si prega di contattare la Confimprenditori di Avellino  al numero 082539385 oppure via email: avellino@confimprenditori.it

81/2008 la redazione di un’appendice al DVR con le misure adottate ed i DPI ritenuti necessari per il contrasto al covid-19 con il supporto del Medico competente oltre che con la consulenza del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.

“ E’  un piccolo gesto che magari non basta  ma è per noi uno sforzo doveroso – afferma il presidente Gerardo Santoli– Dobbiamo in tutti i modi cercare di essere vicino ai piccoli imprenditori molti dei quali fino ad oggi non hanno avuto nessuno degli aiuti promessi da due mesi . Oggi per poter riaprire sono obbligati giustamente a rispettare gli adempimenti previsti, questo purtroppo vuol dire sostenere altre spese.  

Ancora una volta insieme ai lori dipendenti  stanno dimostrato di essere degli eroi. Eroi purtroppo spesso maltrattati da chi invece dovrebbe difenderli, tutelarli e aiutarli. “