Home / Alta Irpinia / CLASSIFICATA TURISTICA LA LINEA FERROVIARIA AVELLINO-LIONI-ROCCHETTA SANT’ANTONIO

CLASSIFICATA TURISTICA LA LINEA FERROVIARIA AVELLINO-LIONI-ROCCHETTA SANT’ANTONIO

Un decreto del ministro dei Beni e delle attività culturali (di concerto con quello delle Infrastrutture e del Mef, previa intesta in Conferenza Stato-Regioni) dovrà individuare e classificare come ferrovie turistiche le linee caratterizzate da particolare pregio culturale, paesaggistico e turistico. L’elenco verrà aggiornato con la stessa procedura. Previsto un elenco di 18 linee ferroviarie turistiche che possono essere subito classificate come tali, con un decreto del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti. Nel dettaglio, le linee che potranno essere classificate subito come turistiche sono: Sulmona-Castel di Sangro; Cosenza-San Giovanni in Fiore; Avellino-Lioni-Rocchetta Sant’Antonio; Sacile-Gemona; Palazzolo-Paratico; Castel di Sangro-Carpinone; Ceva-Ormea; Mandas-Arbatax; Isili-Sorgono; Sassari-Palau Marina; Macomer-Bosa; Alcantara-Randazzo; Castelvetrano-Porto Palo di Menfi; Agrigento Bassa-Porto Empedocle; Noto-Pachino; Asciano-Monte Antico; Civitavecchia-Capranica-Orte; Fano-Urbino. Queste linee saranno classificate come tratte ferroviarie ad uso turistico ‘a condizione che risultino finanziate nell’ambito del contratto di programma con il gestore dell’infrastruttura nazionale o con risorse alle stesse destinate dalle Regioni competenti e che le medesime Regioni, per le linee di loro competenza, non ne richiedano l’esclusione con propria delibera trasmessa al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti entro centocinquanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge’

Circa Leonardo D'Avenia

Leonardo D'Avenia

Vedi Anche

TEATRO. COMITATO, SENZA SOLDI E CARTELLONE, PRONTO ALLE DIMISSIONI

  Ultimatum del comitato di gestione all’amministrazione Foti. Senza delibere di bilancio e affidamento al ...

CONGRESSO PROVINCIALE PD, MAL DI PANCIA DIFFUSI E TESSERAMENTO A RILENTO

  Equilibri labili in vista del congresso provinciale. Le alleanze possibili e i malumori pronti ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *