CERVINARA, CONDANNATO PER TENTATO OMICIDIO L’UOMO CHE ACCOLTELLO’ I VICINI LO SCORSO MAGGIO

CERVINARA, CONDANNATO PER TENTATO OMICIDIO L’UOMO CHE ACCOLTELLO’ I VICINI LO SCORSO MAGGIO

29 Settembre 2020 0 Di Leonardo D'Avenia

Si è svolta questa mattina nel Tribunale di Avellino l’udienza preliminare a carico del 54enne di Cervinara, accusato di tentato omicidio aggravato nei confronti di un vicino di casa, 57enne, attinto nel primo pomeriggio dello scorso 1° Maggio da 2 coltellate al torace che lo avevano posto in serio pericolo di vita tanto che lo stesso veniva immediatamente portato in sala operatoria presso l’Ospedale Rummo di Benevento.

Gravissime le accuse contestate al 54enne, accusato di tentato omicidio, aggravato dai futili motivi, nonché del porto fuori dalla propria abitazione di un coltello del tipo di quelli proibiti, detti “a molla”.

Serrata l’arringa del difensore, l’Avv. Rolando Iorio, il quale è riuscito a dimostrare sia l’insussistenza dell’aggravante dei futili motivi sia la sussistenza, in favore del suo assistito, dell’attenuante della provocazione.

Grazie a questi due riconoscimenti, condivisi dal Giudice Dott. Paolo Cassano, il 54enne si è visto condannare ad una pena nettamente inferiore a quella richiesta dall’accusa.

Infatti, a fronte della condanna ad 11 anni e 8 mesi di carcere, invocata dal Pubblico Ministero, Dott. Del Mauro, il 54enne si è visto comminare una condanna molto più blanda, pari ad anni 5 e mesi 4.

A seguito delle eccezioni sollevate dal difensore, è stato poi derubricato anche il reato relativo al porto d’arma proibita.

Infatti, è stato dimostrato che non si trattava di un coltello “a molla”, ma di un coltello ad apertura manuale, con un notevole ridimensionamento della pena prevista.

Concesse anche le attenuanti generiche ritenute equivalenti alla contestata recidiva.

L’uomo, infatti, annoverava ben 2 precedenti specifici per lo stesso reato, tentato omicidio, commessi il primo nel 1994 ed il secondo nel 2014.