CARCERE AVELLINO, DETENUTO PRETENDE INTERVENTO ESTETICO E AGGREDISCE DIRIGENTE SANITARIO

CARCERE AVELLINO, DETENUTO PRETENDE INTERVENTO ESTETICO E AGGREDISCE DIRIGENTE SANITARIO

29 Agosto 2022 0 Di Leonardo D'Avenia

Il Segretario Nazionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Emilio FATTORELLO rende noto un ulteriore Evento Critico Violento avvenuto nel Penitenziario del capoluogo.

Questa mattina nell’infermeria del carcere si è presentato un detenuto che pretendeva un intervento chirurgico di estetica dopo il suo dimagrimento dalla obesità con “palloncino gastrico,” come si apprende.

Alle osservazioni sollevate dal Sanitario circa i tempi di attesa e relative procedure per il richiesto intervento, il detenuto prima alzava i toni per poi passare a vie di fatto aggredendo con violenza il Dirigente medico responsabile dell’area sanitaria dell’Istituto. Il grave episodio va ad aggiungersi ad uno scenario inquietante, nella Casa Circondariale che il SAPPE ha da sempre denunciato. Basti pensare che la decorsa settimana, sempre in Infermeria, altro detenuto strappa il telefono dalle mani dello stesso medico ed interloquisce direttamente con il 118 pretendendo un intervento di autombulanza per il ricovero urgente, a suo dire, di un suo compagno di detenzione, arriva comunque il 118 e rifiuta il trasporto in ospedale per mancanza di elementi oggettivi, del soggetto da ricoverare.

Il Sappe anche in altre occasioni ha ribadito le deficienze organizzative interne al Reparto della Polizia Penitenziaria ed in particolar modo assenza di una linea di comando che risulta inadeguata. Corre l’obbligo ricordare le grosse criticità derivanti da un Organico del Corpo non adeguato alle esigenze di una realtà penitenziaria complessa come quella di Avellino che registra ad oggi una popolazione detenuta di ben 518 unità , che deve assolvere ai compiti Istituzionali anche del Nucleo Provinciale delle traduzioni e della Sezione distaccata dell’ICAM di LAURO ove sono presenti 9 detenute madri con bambini che assorbono 33 unità dalla Pianta Organica di Avellino, cosa questa contestata che non può perdurare.

La carenza organica va ad aggiungersi a gravi criticità relative alla vera e propria gestione dei detenuti che sempre più risultano insofferenti alle regole fondamentali per un luogo di detenzione quale quello Avellinese. Il personale del Corpo è costretto a lavorare in turni massacranti non previsti dalla normativa, ricoprendo più posti di servizio con una mole di lavoro particolarmente stressante al di sotto dei livelli minimi di sicurezza. Aspetto questo che si evidenzia dalla lettura dall’alto numero di assenze giustificate. Si precisa che non è solo il SAPPE che denuncia ciò.