CAPUANO, D’AGOSTINO SPIEGA L’ESONERO DEL TECNICO

CAPUANO, D’AGOSTINO SPIEGA L’ESONERO DEL TECNICO

22 Agosto 2020 0 Di Michelangelo Freda

“L’esonero di Capuano non ha motivazioni personali. Non abbiamo avuto nessun screzio ma, per il progetto che ho in testa, posso dire che il mister non era in simbiosi con le nostre idee e ho preso una decisione. Nulla contro l’uomo.” Per la prima volta in maniera ufficiale il presidente dell’Avellino, Angelo Antonio D’Agostino, spiega l’esonero di mister Capuano al termine della scorsa stagione sportiva.

Una spiegazione dovuta alla piazza che si era legata alla figura del tecnico di Pescopagano durante una delle stagioni più travagliate della storia biancoverde. Capuano ha avuto il merito di allontanare ogni forma di pressione esterna sul gruppo, concentrando la squadra sugli aspetti sportivi. Nonostante il raggiungimento dei playoff, però, la società ha preferito l’esonero del mister che non era in simbiosi con la società. Una scelta puramente tecnica per il raggiungimento di determinati obietti.

Capuano via, arriva Braglia

L’arrivo di Braglia, come affermato dal numero uno del club, è voluto per replicare l’impresa di Castellammare di Stabia, dove il tecnico insieme a Salvatore Di Somma, portò le vespe in Serie B. Al tempo stesso, il tecnico toscano, sarebbe il profilo adatto alla società per “grinta e carattere” che si sposerebbero con le caratteristiche del gruppo D’Agostino.