CAMPANIA. CONSIGLIO APPROVA LEGGE SU NITRATI, EVITATA INFRAZIONE DALL’UE

CAMPANIA. CONSIGLIO APPROVA LEGGE SU NITRATI, EVITATA INFRAZIONE DALL’UE

28 Ottobre 2019 0 Di La redazione

“Oggi, in Consiglio regionale, e’ stata approvata, all’unanimita’, la proposta di legge, da me presentata, per ridurre la concentrazione di nitrati al suolo e nelle acque della Regione Campania”. Cosi’ il presidente della commissione Ambiente in Consiglio regionale, Gennaro Oliviero.

“C’e’ stata massima collaborazione da parte di tutti i gruppi consiliari, anche quelli all’opposizione. Del resto – sottolinea il consigliere del Pd – la procedura di infrazione presa in considerazione dalla Comunita’ Europea esigeva una risposta efficace, che non tenesse conto delle diverse visioni politiche”. “Il testo – aggiunge – concertato con la giunta, in particolare con il supporto del vicepresidente, Fulvio Bonavitacola, prevede il trattamento di tutti i reflui organici da allevamento, sia in piccoli impianti per singola azienda, che in grosse strutture al servizio di appositi consorzi da incentivati.

Viene rafforzato – spiega – il ruolo del nostro Ente, nell’effettuare controlli e nel gestirne le procedure. La precedente legge del 2010, affidando ai comuni compiti in materia, non tenendo conto della carenza di personale specializzato nei nostri enti locali, ha avuto comune unico risultato l’ulteriore aggravio di questa fattispecie, aumentando le zone a rischio e creando serie criticita’ per quei territori che hanno nel comparto zootecnico un motore determinante della loro economia”. La parte tecnico-operativa sara’ demandata ad Arpac e Asl e sono previsti fondi per 300mila euro, da rinnovare negli anni successivi per consentire il rapido avvio dei consorzi, prevedendo un termine di 24 mesi per completare con la relativa impiantistica.

“Oggi – conclude Oliviero – la buona politica prevale, dimostriamo all’Europa quanto in Campania si possa far bene e, soprattutto, quanto questa maggioranza abbia a cuore la tutela dell’allevamento, fetta importante del nostro Pil”.